Edimes vuole i due punti lontano dal Palaravizza

PAVIA Obiettivo: espugnare Torino. L'Edimes gioca oggi (palla a dye ore 20.30) con il Cus Torino nell'anticipo della settima giornata del girone A con l'obiettivo di conquistare i due punti che in trasferta mancano dalla prima giornata, quando i pavesi espugnarono il campo della Sangiorgese. La prima bella notizia è che Stefano Degrada ci sarà. La guardia pavese che si era infortunata alla caviglia destra nella vittoriosa sfida contro Livorno ha approfittato dei due giorni in più di riposo per rimettersi in sesto e in settimana ha lavorato insieme ai compagni. La seconda è che Simone Bianchi ha a disposizione tutta la rosa. In settimana il coach ha lavorato molto sul piano tecnico e su quella della continuità, che finora è il difetto più evidente di Pavia. L'Edimes parte sempre bene poi ha dei cali che rischiano di compromettere le tante cose buone che combina in partita. La panchina ha alternato prestazioni positive ad altre meno e anche questo è un punto su cui Bianchi sta lavorando e che dovrebbe dare i primi risultati stasera. E' vero che la gara contro il team torinese, guardando la classifica, dovrebbe vedere favorita la formazione pavese, ma si tratta di una squadra che non va assolutamente sottovalutata. Il Cus Torino allenato dall'ex tecnico di Tortona Antonello Arioli ha vinto soltanto una delle sei gare giocate fin qui, ma ricordiamo come nell'amichevole precampionato la squadra piemontese ha fatto soffrire Pavia al Palaravizza. Quello era precampionato e Pavia è cambiata, ha cominciato ad assaporare il gusto delle vittorie e, nonostante due passi falsi, sta cercando di costruirsi una propria identità e solidità di squadra. Ecco perché la gara di Torino potrà essere molto importante per il prosieguo della stagione. I giocatori su cui coach Arioli punta il gioco sono tre in particolare: l'ala pivot Maurizio Pavone, ex Alessandria, un due metri tecnico che però contro Bozzetto dovrebbe avere vita difficile, l'ala ventunenne ex Montegranaro Alessio Sabbadini, 198 centimetri dotato di un buon tiro dalla media, e Claudio Maino, regista arrivato da Pescara. In occasione della partita la società torinese lancia la raccolta alimentare a favore delle famiglie bisognose del quartiere Mirafiori.