Edimes, la certezza Capitan Fossati resta al timone

PAVIA «Le fondamenta le abbiamo posate, ora costruiamo la squadra»: coach Simone Bianchi commenta così la firma (attesa) che legherà Roberto Fossati alla Edimes anche per la prossima stagione. «Sono contento che abbia accettato di restare a Pavia – continua Bianchi – con lui, Degrada, Cristelli e Benevelli ripartiamo da solide basi, giocatori che oltre a possedere indubbie doti tecniche hanno dimostrato di avere attaccamento alla maglia, possedendo quella energia mentale positiva che sarà fondamentale durante la stagione. Io e la società la pensiamo allo stesso modo, cioè avere a disposizione persone che sono disposte ad andare oltre i propri limiti, in situazioni di stress come può accedere durante i momenti di difficoltà è importante, perché quando la nave è in preda ai venti e alle onde, sanno andare dritti per la loro strada senza farsi influenzare e con la capacità di fare gruppo, dando sempre e comunque il meglio di sé stessi». Il capitano dell'ultima stagione in Dnb indosserà dunque per un altro anno la maglia rossonera, mantenendo i gradi di leader della squadra. Playmaker dotato di intelligenza cestistica ed esperienza, Fossati è l'ennesimo tassello importante che va a comporre il roster di coach Simone Bianchi. «Roberto sarà il metronomo della squadra – prosegue il neo coach della Edimes – avrà il compito di gestire il ritmo come ha sempre fatto in modo brillante». Pavese, dopo aver esordito in A2 con Pavia nella stagione 1994-1995 (vi rimarrà per due anni), Fossati si trasferisce a Serravalle Scrivia (in C2), prima della successiva esperienza ad Alessandria (C1). Due anni ad Olbia in B1 e B2, Atri (B1 e B2), Voghera (B2), Trento (due stagioni in B2), San Severo (B1) e Recanati in Dna. «Ringrazio la società ed il coach che mi hanno dato fiducia anche per la prossima stagione – commenta Fossati, che è partito per la Sardegna per qualche giorno di vacanza –. Inutile dire quanto sono felice per questo rinnovo. Avere la possibilità di disputare un'altra stagione da capitano nella squadra della mia città è una fortuna che mi voglio godere e che desidero sfruttare con tutto l'impegno possibile. Le motivazioni di certo non mancano e non mancheranno durante una stagione che spero lunghissima». Fossati è contento anche dei rinnovi di Cristelli e Degrada: «Felicissimo che siano rimasti, perché sono convinto che fosse importante dare una certa continuità tecnica ed umana alla buona stagione che abbiamo disputato lo scorso anno, dove, all'esordio in categoria, abbiamo concluso al quinto posto in stagione». Maurizio Scorbati