Firme per rilanciare il castello

PIOVERA Occorrono 10.000 firme per far inserire il borgo e Castello del 1300 di Piovera fra i «Luoghi del Cuore 2014» del Fai. Proprio il Fondo Ambiente Italiano, delegazione di Alessandria, ha proposto questo ambizioso progetto all'Amministrazione comunale di Piovera. Di particolare interesse, sono i laboratori d'arte curati personalmente dall'attuale proprietario Conte Niccolò Calvi Di Bergolo. I residenti di Piovera e l'amministrazione comunale hanno accettato la sfida di portare a nuova vita il borgo. «L'intenzione è aprire ad associazioni, enti culturali ed artisti il nostro borgo – afferma il sindaco di Piovera, Enrico Boccaleri – Il Castello, proprietà del Conte Niccolò Calvi di Bergolo, ospita annualmente feste e fiere, mostre e visite. Ora abbiamo diverse idee per riportare in questo luogo le attività che l'hanno reso unico, come la connotazione agricola che da sempre lo accompagna. Sono diversi i giovani che vogliono avvicinarsi a questo mondo. Occorrono 10.000 firme che possono provenire da ogni angolo di mondo; lo scopo del progetto è di sostenere, anche tramite finanziamenti esterni, manifestazioni e attività prettamente ricettive, anche in vista dell'Expo 2015. Vogliamo che il borgo sia conosciuto a livello internazionale». Uno dei motivi che hanno spinto il Comune ad aderire al progetto è anche la ricaduta che una maggiore affluenza di turisti potrà avere sul paese, con un aumento del lavoro e assunzioni (anche stagionali) che possano portare un po' di respiro in questo periodo di crisi, soprattutto per i giovani del territorio. Chiunque può aderire all'iniziativa, firmando la sottoscrizione anche a nome dei minorenni (non sono richiesti documenti) attraverso il sito internet del Fai, al link: http://iluoghidelcuore.it/luoghi/16262. Paola Dellagiovanna