DOMANI A pavia

PAVIA "Spiazziamole": uno slogan secco per liberare due piazze pavesi dalle slot machines. «Cominciamo da due piazze simboliche: piazza Vittoria e piazzale D'Acquisto al quartiere Scala. Sono la piazza principale del centro storico e una importante di periferia. In entrambe ci sono macchinette in locali di proprietà comunale e in locali privati. Chiediamo che siano le prime piazze bonificate della città. Vogliamo espellere le macchinette da queste due piazze e chiediamo che succeda subito». Così scrivono i membri del collettivo Senza Slot, promotori insieme a Arci, Udu, Sinistra per pavia, Casa del giovane, Libera e Aerel, di una raccolta firme per sollecitare l'intervento dell'amministrazione in merito a una questione già molto discussa durante la precedente consigliatura. Un locale del mercato ipogeo, di proprietà del Comune e dato in concessione a una cooperativa, ospita una sala slot; situazione analoga per il bar sotto alla tettoia di piazzale D'acquisto. Il Pd aveva sollevato il tema con diverse interpellanze in consiglio. L'amministrazione Cattaneo aveva risposto che si poteva fare poco riguardo a concessioni già firmate. «Accolgo positivamente questa legittima proposta, che ha il pregio di richiamare l'attenzione su una tematica da non sottovalutare – dice il sindaco Massimo Depaoli –. La situazione è ben nota ed era stata già discussa in consiglio. Adesso studieremo le convenzioni per trovare ogni appiglio al fine di ottenere la rimozione delle macchinette». L'appuntamento è per domani in piazzale D'acquisto per il lancio della campagna: raccolta firme, giochi "autentici", bevande e, soprattutto, sensibilizzazione degli abitanti del quartiere; «Le slot machines vi impoveriscono, il banco vince sempre» è il messaggio. (r.c.)