Lo sport rende omaggio a Suardi

SANNAZZARO La salma di Enrico Suardi, tecnico dell'Eni e pioniere del baseball provinciale, morto giovedì a 57 anni, non è stata ancora messa a disposizione della famiglia; i funerali saranno pertanto fissati per lunedì o martedì. Alla camera mortuaria al policlinico di Pavia, dove la salma è stata composta per un eventuale autopsia, è stato un via vai di conoscenti ed amici tra i quali tanti colleghi della raffineria Eni dove Enrico Suardi era capoturno. Poi i tanti amici che con lui hanno costruito negli anni '70 la società del Sannazzaro Baseball Club e con lui hanno giocato sino ad accedere ai play-off per la serie A-2. La famiglia, la moglie Donata e i figli Marta e Riccardo, campione italiano ed europeo di baseball, non riescono darsi pace per una morte che ha fatto seguito ad una frattura al bacino che Enrico Suardi aveva riportato qualche settimana fa sul campo di baseball di Lodi, per una banale caduta mentre allenava il team lodigiano. Un incidente che lo ha immobilizzato per qualche tempo; poi l'improvviso malore di mercoledì notte, il ricovero d'urgenza in Rianimazione II dove è morto giovedì mattina. A piangere la morte di Enrico Suardi è l'intero movimento sportivo di Sannazzaro. (p.c.)