Upol in marcia verso i play off «La salvezza non ci basta più»

LUNGAVILLA L'Upol è tornata alla vittoria ed è terza nel ranking del girone A di serie D. La squadra del patron Gianni Perruchon ha 12 punti al pari di Gardonese, Viadana e Sustinente, ma per differenza canestri occupa la terza posizione. I ragazzi di coach Gianni Cova hanno un record di 6 vinte e una persa: l'unica sconfitta risale a quindici giorni fa contro Voghera, squadra che si è ripresa negli ultimi due turni. Il giudizio di quel match era stato molto negativo da parte di Cova, ma dopo quella sconfitta la squadra ha subito reagito venerdì contro Casalmaggiore (80- 68). «Fino al secondo quarto è stata una gara punto a punto e poi siamo andati via. Con Voghera non abbiamo avuto Bryant, che si è fatto male e rimane ancora fuori, e ci è mancato un po' il tiro da fuori. Forse abbiamo affrontato quell'impegno con una certa leggerezza», commenta Perruchon. Che ruolo può recitare Lungavilla dopo le prime 7 gare? «Pensavo di essere una squadra che potesse tranquillamente salvarsi, vediamo il proseguo del campionato. Ho posto ai ragazzi il target dei play off, non abbiamo ambizioni particolari perché per fare altre categorie serve anche la società alle spalle e ci stiamo ancora lavorando». Per continuità di rendimento finora Checo Vasquez è stato il più regolare, Albertario l'uomo in più in difesa perché è in grado di marcare dal play al lungo avversario. «Comunque tutti finora hanno dato tutti il loro contributo». Domenica alle 18 Lungavilla farà visita a Gussola che ha 2 punti. «Non conosciamo nessuno, ma penso sia lo stesso anche per le altre pavesi perché è la prima volta che siamo in questo girone. Chi mi ha fatto l'impressione migliore finora? Voghera, squadra compatta che gioca insieme da tempo. La gara con Vigevano è stata a sé».