Il nobile ordine Bremetense

BREME.Studenti alla scoperta dell'Ordine Bremetense, congregazione religiosa che fra l'XI e il XVI secolo fu una delle più potenti d'Europa. I privilegi e i possedimenti dei Bremetensi erano sparsi in tutto il Nord Italia. Il cuore dell'ordine religioso lomellino era l'abbazia di San Pietro, di cui i bambini visiteranno venerdi il chiostro e la cripta.
Nel 906 l'abbazia di Novalesa, in Val di Susa, era minacciata dai Saraceni. Donniverto, ultimo abate di Novalesa e primo della futura abbazia di Breme, fugge allora a Torino portando con sé gli arredi sacri, gli oggetti preziosi e una parte della biblioteca. Il primo documento che parla di Breme risale al 929: un diploma del re Ugo conferma le donazioni concesse dal marchese Adalberto d'Ivrea, padre di Berengario II re d'Italia, ai monaci della Novalesa, tra cui le corti di Breme e di Pollicino. Nello stesso anno i frati benedettini iniziano la costruzione dell'abbazia.