A Broni tutti i big: il 31 la parata di stelle

MONTU' BECCARIA.Il 31 maggio Broni tornerà ad essere capitale del ciclismo per una sera. Venerdi scorso alla «Locanda dei Beccaria» di Montù è stato presentata la settima edizione del «Criterium professionisti, gran premio città di Broni». Un evento a cui parteciperanno tutti i più grandi campioni del pedale, reduci dal Giro d'Italia. Alla manifestazione prenderanno parte una quarantina di corridori, fra cui Danilo Di Luca (leader della classifica mondiale a punti), l'attuale maglia rosa Paolo Savoldelli, Ivan Basso, Damiano Cunego, Gilberto Simoni e Alessandro Petacchi. Il Criterium si snoda in due gare. Alle 20.30 è in programma una cronoscalata di circa 1,5 km con partenza e arrivo in piazza Garibaldi, intramezzata dalla salita del monte San Contardo. Alle 22 poi è prevista l'esecuzione di un circuito cittadino (sempre con partenza ed arrivo in piazza Garibaldi) da ripetere più volte, per un percorso totale di circa 50 km. Al termine di ciascuna prova verrà stilata una graduatoria e assegnati punti ai primi tre corridori classificati. La vittoria del Criterium andrà al ciclista meglio piazzato nelle due gare. L'anno scorso Gilberto Simoni si aggiudicò la cronoscalata, Alessandro Petacchi vinse in volata il circuito cittadino ma poi la manifestazione vide trionfare Damiano Cunego (secondo in entrambe le gare). Anche in questa edizione le gesta dei campioni giunti a Broni saranno commentate dai telecronisti della Rai Silvio Martinello e Davide Cassani. La manifestazione, realizzata con la collaborazione di Comune di Broni, Provincia di Pavia, Associazione commercianti e numerosi sponsor, anche quest'anno viene organizzata da Berzin Auto & Novacast Concessionaria Elena Cagnoni: «Si tratta dell'unica gara per ciclisti professionisti in provincia di Pavia - spiega il promotore dell'iniziativa Eugenj Berzin, vincitore del Giro d'Italia 1994 - Ed è un evento d'importanza internazionale, che ogni anno vede al via tutti i big». La presentazione del Criterium ha rappresentato anche l'occasione per fare qualche considerazione sul Giro d'Italia in corso: «Basso ha comunque una marcia in più di tutti ed è favorito per la vittoria finale, una giornata storta può capitare a tutti - avverte Berzin - E' cresciuto nella Riso Scotti di Emanuele Bombini e poi è stato bravo il mio ex compagno della Gewiss, ora direttore sportivo, Biarne Riis a puntare tutto su di lui. L'unico che può insidiarlo è Savoldelli». (m.l)