Tutta la storia in pillole

La storia della città lungo i secoli: un affascinante percorso fra le date più significative di Vigevano.
5000-3000 a.C. Reperti litici segnano la presenza dell'uomo nella zona adiacente il torrente Terdoppio.
XIII secolo a.C. Risalgono a questa epoca i ritrovamenti archeologici alla Morsella.
VI-I secolo a.C. Reperti venuti alla luce in diverse parti del territorio confermano la presenza di insediamenti organizzati.
218 a.C. E' la data della battaglia del Ticino tra gli eserciti di Annibale e Scipione, secondo la leggenda combattuta nei pressi della città.
II-IV secolo d.C. Nel 1930 una strada romana esistente nel sottosuolo di corso della Repubblica viene scoperta durante i lavori di scavo per la pesa dell'acquedotto.
924 La città è saccheggiata da popolazioni di stirpe ungara.
963 Per la prima volta il nome di Vigevano compare in un documento dell'Archivio capitolare di Novara nella forma longobarda di «Vicogebuin».
1010 Si ha notizia di un porto vigevanese sul fiume Ticino.
1154 I Milanesi occupano la Lomellina e fanno costruire un ponte sul Ticino. Vigevano è assediata e occupata dal Milanesi. Inizia cosi la lunga guerra del ponte tra Milano e Pavia, che vedrà Vigevano coinvolta in guerre fino al XIV secolo.
1227 Vigevano aderisce alla seconda Lega Lombarda dei Comuni per difendersi dai Pavesi e dall'esercito imperiale.
1319 Vigevano elegge suo podestà Luchino Visconti dopo la vittoria dei Visconti sui Torriani a Milano.
1337 Per la seconda volta Luchino Visconti è eletto podestà di Vigevano: inizia lo sgombero delle case attorno al castello per costruire un maniero più potente. Viene eretta la strada coperta che collega il castello con la nuova rocca di Belreguardo cardine dei terraggi costruiti tutto attorno al centro abitato e dotati di numerose porte di accesso.
1392 Gian Galeazzo Visconti promulga il 4 ottobre gli Statuti Civili e Criminali di Vigevano.
1445 Durante il dominio di Filippo Maria Visconti iniziano i lavori di scavo di un grande naviglio con presa d'acqua sul fiume Ticino presso Trecate.
1449 Eroica resistenza dei Vigevanesi a un assedio posto da Francesco Sforza.
1486 Per volere di Ludovico il Moro, l'ingegner Guglielmo da Camino costruisce la fattoria modello della Sforzesca e la tenuta agricola della Pegorara.
1492-1494 Grandi lavori urbanistici sono attuali a Vigevano con il concorso di architetti famosi tra cui Donato Bramante e Leonardo da Vinci. Vedono la luce la Torre del Bramante, la piazza Ducale, la Loggia delle Dame, la Falconiera e le Scuderie del Castello.
1500 Il marchese di Vigevano, Gian Giacorno Trivulzio, avvia una arazzeria che produrrà insigni capolavori oggi conservati in musei milanesi e nel Tesoro del Duomo di Vigevano.
1530 Con decreto papale di Clemente VII, Francesco II Sforza ottiene che Vigevano sia elevata al rango di città con sede di diocesi.
1535 Inizia la dominazione spagnola.
1630 Viene costruito il Lazzaretto di San Sebastiano, oggi Rotonda del cimitero, per fare fronte alle vittime di una violenta epidemia di peste.
1680 Il vescovo, Juan Caramuel, realizza la nuova facciata concava del duomo per porre in simmetria assiale chiesa e piazza.
1789 Vigevano diventa capoluogo della provincia del Vigevanasco.
1800 Ha sede in Vigevano la Camera di Commercio dell'Agogna che comprende i territori della Lomellina, Novarese, Lago Maggiore e Val d'Ossola.
1817 La diocesi di Vigevano viene estesa a quasi tutte le parrocchie della Lomellina e a quelle del Siccomario, alle porte di Pavia.
1848 Il 10 agosto il re Carlo Alberto firma a Vigevano l'armistizio detto di Salasco (prima guerra d'Indipendenza).
1849 Il 21 marzo si combatte la battaglia della Sforzesca: le truppe Piemontesi sconfiggono quelle austriache del generale Radetsky.
1854 Il 24 agosto primo treno della ferrovia Vigevano-Mortara inaugura la linea.
1870 È aperto al traffico il ponte sul Ticino: la ferrovia è prolungata da Vigevano a Milano Centrale.
1872 Al primo calzaturificio di Luigi Bocca, aperto nel 1866, segue il primo opificio italiano per la produzione industriale di calzature.
1931 Viene inaugurata la Settimana Vigevanese, che diventerà la più importante mostra mondiale delle calzature.
1944 Il 14 settembre sul ponte del Ticino è mitragliato un treno passeggeri provenienti da Milano: 27 i morti.
1945 Il 27 aprile, durante l'insurrezione, scontro a fuoco tra partigiani e treni corazzati germanici presso la stazione. La distruzione dei treni costerà la vita a 15 partigiani e ad altrettanti tedeschi.