I BRAVI INSEGNANTI DEL SAPERE

di VANESSA ROGGERILa risonanza mediatica negativa generata da certe notizie finisce talvolta per persuadere l'opinione pubblica che quella notizia specifica sia l'unico parametro accettabile della realtà. E così accade che a furia di leggere di docenti che puniscono gli alunni indisciplinati chiudendoli al buio, o che insultano e molestano sessualmente ragazzini e ragazzine; o che litigano con i genitori, o che vengono trovati in possesso di 20 kg di droga, o che diventano vittime del bullismo di classe; ecco, a furia di infarcirci il cervello con notizie di questo genere, in molti si sono convinti che non esistono più i buoni insegnanti. nCONTINUA A PAGINA 4