Nomina del dirigente finanziario il Comune va al Consiglio di Stato

ARZACHENA Quarto round nella guerra dei ricorsi per la nomina del dirigente finanziario. Il Comune si appella al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che per un vizio di procedura ha annullato la selezione pubblica fatta a maggio 2018. I giudici amministrativi, accogliendo il ricorso di Gianluca Cocco, uno dei partecipanti alla gara, avevano evidenziato che il Comune doveva disporre in modo legittimo la copertura del posto vacante, tramite una selezione rispettosa del principio di pubblicitĂ  delle prove orali. In pratica, nella sentenza di merito il Tar ha confermato l'ordinanza cautelare del 26 ottobre, con la quale aveva sospeso i provvedimenti impugnati: la determinazione di nomina della commissione d'esame per la copertura di un posto a tempo determinato del dirigente. E i due verbali del 28 maggio 2018 relativi sia alla riunione preliminare, con la determinazione dei criteri e valutazione titoli, sia alla prova del colloquio e stesura della graduatoria finale. In attesa della sentenza di merito del Tar il Consiglio di Stato aveva dato ragione al Comune. Al centro della vicenda che si trascina da dieci mesi la decisione della commissione di formulare le stesse domande a tutti i candidati: un quesito identico per ciascuna delle 5 materie di prova, col metodo "a porte chiuse" per le prove orali, al fine di evitare posizioni di vantaggio. Ma proprio questo tipo di procedura per il Tar non ha garantito il concetto di pubblicitĂ  della seduta. (w.b.)