I campioni di badminton tra libri e racchette

CALANGIANUSUn grande risultato è arrivato, in campo sportivo (ma non solo), per il professor Mimmo Petroccia e i suoi allievi. La squadra di badminton è campionessa regionale di badminton. Il riconoscimento gli permette di partecipare alla fase nazionale che si terrà a fine mese a Cesenatico (in provincia di Forlì-Cesena in Emilia Romagna). Dal 27 al 29 maggio, dunque, i ragazzi della scuola secondaria dell'istituto comprensivo "Ines Giagheddu" parteciperanno alle fasi nazionali dei giochi sportivi studenteschi di badminton. Gli atleti frequentano la scuola media di Calangianus e Luras, un gruppo misto, seguito con attenzione dal docente di scienze motorie Mimmo Petroccia che, anni fa, ha avuto la brillante intuizione di introdurre anche la disciplina del badminton nelle scuole del "Giagheddu", con successo e partecipazione da parte degli studenti. Il badminton è uno sport che si gioca in singolo maschile o femminile, doppio maschile o femminile o doppio misto su un campo rettangolare diviso da una rete. Non ci sono differenze di altezza rete fra uomini e donne. Il gioco consiste nel colpire un volano con una racchetta facendogli oltrepassare la rete e mandandolo nella metà campo opposta dove dovrà essere ribattuto al volo dall'avversario. Tra i più veloci sport di racchetta, il badminton è uno sport in cui si rendono necessarie prestanza fisica, agilità e prontezza di riflessi. I ragazzi e le ragazze galluresi hanno disputato le gare regionali a Maracalagonis contro la scuola media "Alfieri" di Cagliari, vincendo 3 a 0; poi, con la scuola media di Bosa e con quella di San Giovanni Siurgus, vincendo sempre per 3 a 0. «Sarà sicuro motivo di orgoglio per la scuola e il comune di Calangianus - dicono dallo staff della dirigente scolastica - È importante rilevare che i ragazzi hanno dato prova di una buona preparazione e di grande abilità, ma soprattutto, hanno ricevuto i complimenti per la correttezza del loro comportamento. Vivissimi complimenti al professor Mimmo Petroccia che li ha preparati, agli alunni e alle loro famiglie». Protagonisti dell'impresa sportiva sono stati gli studenti Antonio e Massimiliano Tamponi, Mario Frau, Erica Manca, Anastasia Masala, Giulia Abeltino e Marcella Hagiu. (s.d.)