Senza Titolo

Non gli ho detto del quadro di Oxford Carlo di Titomanlio La casa Usher 304 pagine 17 euroUn'opera d'arte nel labirinto L'esordio nella narrativa del toscano Titomanlio, saggista e ricercatore universitario, ricostruisce in forma romanzata una vicenda lunga quattro decenni che, forse, ha trovato i suoi primi punti fermi appena pochi anni fa: si tratta della contestata attribuzione di un quadro, "Continenza di Scipione" di Antoon van Dyck, che gli inglesi (e la tradizione) sostengono sia conservato a Oxford, e che gli Italiani ritengono si trovi invece dal 1970 a Firenze, pezzo di inestimabile valore all'interno di una collezione privata. Proprio nel 1970, a Londra, il protagonista Angelo Morganti (che nella realtà si chiama Angiolo Magnelli) acquista la tela da un mercante d'arte, sicuro che sia il vero van Dyck: la sua battaglia per il riconoscimento, piena di incredibili colpi di scena, è appena iniziata.