Senza Titolo

di Elia Sanna wMORGONGIORI Stava scavalcando il muretto a secco all'interno di una proprietà privata. In mano un sacco con all'interno galline e conigli morti. Ma Flavio Porta, 60 anni di Morgongiori è stato colto da malore. Un attacco che lo ha ucciso senza dargli scampo. Lo hanno ritrovato qualche ora dopo all'interno di una azienda agricola nelle campagne di Morgongiori. Accanto al corpo c'erano anche due sacchi di tela con due galline e tre conigli. Per alcune ore si è ignorato anche il nome della vittima. Nelle tasche dei pantaloni non aveva neppure uno straccio di documento. E i militari che si occupano del caso hanno faticato per dare un'identità al cadavere. Rimane circondata da un alone di mistero la sua morte. Cosa è accaduto? Perché Flavio Porta si trovava all'interno di una azienda agricola e con sé aveva un sacco con alcuni animali appena uccisi? Era solo al momento dell'incidente? Domande alle quali ora stanno cercando di dare una risposta i carabinieri della Compagnia di Mogoro. Il ritrovamento del poveretto è avvenuto nell'azienda agricola di un agricoltore di Morgongiori. È stato quest'ultimo a trovare l'uomo privo di vita. Era adagiato al muretto che separa il suo terreno da una stradina di penetrazione agraria nel versante sud del Monte Arci. Vicino al corpo c'erano due sacchi. Secondo una prima ricostruzione della vicenda, fatta dai carabinieri di Morgongiori, l'uomo avrebbe tentato di saltare il muretto, e proprio in quel momento si sarebbe sentito male. Il cadavere è stato portato all'obitorio, a Oristano. Il magistrato ha disposto l'autopsia che avverrà nelle prossime ore e aiuterà a dare qualche risposta a questa vicenda dai contorni ancora oscuri.