Askra in concerto, vent'anni di carriera a suon di musica

di Salvatore Martini wSINISCOLA Venti anni di carriera sono un traguardo artistico prestigioso. Molti fans se li ricordano ancora, gli Askra, quando sono saliti sul palco per la prima volta. Era il 1993, e quell'anno è nata ufficialmente una band amatissima, che continua ancora a stupire e rinnovarsi tenendo però fede alla sua identità, marchio di fabbrica di un gruppo musicale particolarmente carismatico. Per celebrare il loro ventennale gli Askra non potevano non scegliere la loro Siniscola, con un concerto live ad ingresso libero che stasera, a Santa Lucia, punta a fare il pieno di persone. Il palco è quello della rassegna "Paragulas in sonos" proposta per tutta la giornata dall'associazione Bar La torre. Le note della band risuoneranno con tutta la loro forza, offrendo uno spettacolo indimenticabile. Impossibile non tornare idealmente indietro nel tempo. Erano gli innovativi primi anni Novanta quando Sandro Usai, Pierpaolo Pau, Alessandro Chighini e Marco Cau hanno avuto quell'intuizione che ha portato alla nascita degli Askra. La band ha mosso i primi passi ispirandosi al punk-rock di stampo newyorkese, nella new wave di matrice italiana ma passando anche per lo ska ed il reggae. Le piazze non hanno tardato a riempirsi. Lo stile della band ha conquistato migliaia di fans, tanto che nel 1996 arriva il primo disco, "A sa muta", nato grazie anche all'aiuto di Fabio Coronas, considerato già all'epoca il quinto elemento e che fornisce ancora oggi la sua collaborazione. Il successo è trascinante. L'avvicinamento degli Askra ad un'altra grande band siniscolese, i Kenze Neke, nasce quasi spontanea. La collaborazione porta, nel 1997, alla realizzazione del cd "Gherramos tottus impare". Gli Askra pubblicano poi "Yabastat", dove il filo conduttore continua ad essere quello di un rock graffiante che fa da cassa di risonanza alle tematiche trattate nei testi, che vanno dai problemi della classe operaia sarda sino a tematiche di scala mondiale, come il no alle guerre e allo sfruttamento dei popoli più poveri. Un genere che piace, e che consolida la fama del gruppo, che ha inoltre pubblicato i cd "Hijos" e "Colores... Dolores". Per la festa del ventennale, così, il concerto di oggi, previsto alle 22, ha il sapore dell'evento, con l'attesissima réunion tra tutti i componenti che nel corso degli anni hanno fatto parte della band. La formazione attuale degli Askra, composta da Sandro Usai, Alessandro Chighini, Marco Cau, Homar Farina, Mirko Carbini, Luciano Sezzi ed Eneko Larranaga accoglierà sul palco gli ex componenti Pierpaolo Pau, Stefano Ferrando, Paolo e Fabio Carta e Sergio Putzu.