Non fanno la differenziata: multati cinque condomini

ARZACHENA Le percentuali di differenziata in città sono da grande depressione. 40%. Lontane anni luce dalle cifre imposte dalla Regione, 65%. Numeri che si traducono in costi. Per il conferimento in discarica dei rifiuti non differenziati il Comune ogni anno spende 1 milione e 200 mila euro. Costi che finiscono in quel pacchetto di servizi ambientali che lo Stato impone vengano pagati con la Tares. Quindi dai cittadini. Sempre sulle tasche degli utenti pesa il pagamento delle sanzioni che l'ente locale deve pagare per non essere un comune virtuoso. 50 mila euro ogni anno. «Uno degli obiettivi che insieme alla minoranza dobbiamo perseguire è contribuire a ridurre il costo del servizio – spiega il delegato all'Ambiente Gianmario Orecchioni –. In città si differenzia pochissimo rispetto al servizio offerto che è il porta a porta. Solo il 40%. Se riuscissimo a portare a 60 questa cifra, riducendo quindi del 20% i rifiuti da conferire in discarica si risparmierebbero 800 mila euro. Un taglio dei costi che ci permetterebbe di tagliare le tariffe Tares. Sono tanti i cittadini che differenziano in modo corretto. Ma ce ne sono altri che ignorano le regole annullando i sacrifici di chi segue percorsi virtuosi». Da ieri sono partiti i controlli nei condomini. La polizia locale ha già multato per alcune centinaia di euro a verbale 5 residence. La visita dei vigili arriva dopo le segnalazioni della Cosir. L'azienda che raccoglie i sacchetti per conto del Comune non ritira i rifiuti differenziati male e per contratto segnala all'ufficio Ambiente la non conformità del prodotto. «Chi separa i rifiuti correttamente si lamenti con chi non la fa – aggiunge Orecchioni –. E chi non la fa si metta in testa che il taglio della Tares passa dal miglioramento della differenziata». (se.lu.)