Scultura di Sciola come dono d'addio

di Pietro Simula wCARGEGHE Una vita da emigrante, fortunata e ricca di successi, col pensiero fisso del proprio paesello; ma anche fatta di incontri illuminanti che lo hanno accompagnato sino alla fine. Valentino Tanca, dopo una brillante carriera che lo ha portato a raggiungere i più alti livelli dirigenziali di diverse società internazionali, è tornato a casa, nella sua Cargeghe, nell'aprile di quest'anno, sepolto in un monumento funebre che nelle sue intenzioni vuole anche rappresentare un omaggio alla figura dell'emigrante. E non è tornato a mani vuote. Sabato pomeriggio nell'ampia e solare piazza Grazia Deledda, su cui si affaccia la chiesa parrocchiale, verrà inaugurato il complesso scultoreo di Pinuccio Sciola, voluto da Valentino per una scelta determinata dalla grande ammirazione per l'estro artistico del maestro cui era legato da profonda amicizia e lunga frequentazione. Lo aveva conosciuto nel suo lungo girovagare da una città all'altra, in Spagna, dopo aver prima avuto l'opportunità di ammirare alcune delle sue opere. Negli ultimi mesi di vita, quando sente avvicinarsi la fine, matura così la decisione di commissionare all'amico scultore un monumento da collocare in un luogo pubblico del proprio paese, che possa costituire un suo omaggio personale in riconoscimento delle proprie radici e dare insieme lustro alla piccola Cargeghe. Il "maestro" ci ha lavorato da par suo, scegliendo come materiale la pietra calcarea tipica del paesaggio rappresentato dal costone che sovrasta il paese e incastonando l'opera in una piazza altamente simbolica in modo da valorizzarne ulteriormente la prospettiva. Tutto è pronto ora per la solenne cerimonia dell'inaugurazione, dopo la quale sarà possibile apprezzare la bellezza dell'ultimo lavoro del grande artista. Domani (sabato) alle 19 la cerimonia, alla presenza di Sciola, del sindaco e delle autorità del territorio. Dopo la benedizione da parte del parroco, la piazza verrà animata da una serie di manifestazioni: anzitutto è probabile una performance dello stesso scultore con le sue pietre sonore; da vedere poi la mostra fotografica delle opere di Pinuccio Sciola allestita a cura della biblioteca comunale nell'attigua piazzetta Valery. La serata proseguirà con l'esibizione del "Gruppo folk Nostra signora de Contra" di Cargeghe, del "Coro Antonino Paba" di Giave, delle "cantadoras" Gianfranca e Noemi Mulas accompagnate dal chitarrista cargeghese Antonello Pulina, dei ragazzi del Centro Sociale di Cargeghe, del karaoke e dei balli di gruppo con il duo "Giuales" di Cargeghe.