Sesto compleanno dei Ruja Karrera indianos di Siniscola

di Luciano Piras wSINISCOLA Sei anni di ska punk reggae, sei anni di combat rock senza frontiere made in Sardigna. Sei anni di musica ribelle contro le guerre nel mondo, contro il conformismo, l'imperialismo della superpotenza statunitense, contro il razzismo e tutte le ingiustizie che spappolano l'intero pianeta. Sei anni di concerti e viaggi in giro per il globo ora raccolti in un dvd, «S'historia de Sa Ruja», 2006-2012, (riprese di Silvia Punzo e Salvatore Serra, montaggio video di Omar Farina), un live documentary appena pubblicato dai Ruja Karrera, la band siniscolese che festeggia così il suo sesto compleanno. Dando appuntamento ai suoi fan per domani sera alle 22 nei locali della ex Bandiera gialla, la mitica discoteca baroniese a due passi dal mare, lungo la strada Orientale sarda a pochi chilometri da Santa Lucia. Insieme al gruppo capitanato da Giancarlo Skakallo Coronas, ci sarà la special guest Rude Hi-Fi Barriobeat, già vocalist e dj di Manu Chao. Tra coriandoli e giochi pirotecnici, la festa è assicurata fino all'alba. Un evento inserito nel circuito di Ozzy eventi 2012. L'attenzione sarà comunque tutta concentrata sulle immagini video, sulle canzoni e persino sulle interviste contenute nel dvd che fa la storia dei Ruja Karrera, la strada rossa, band nata nell'aprile del 2006 anche se ha cominciato l'attività concertistica e discografica soltanto un anno dopo, con l'uscita del primo cd, «Indianos metropolitanos», un inno, una bandiera d'esordio, una miscela fantasmagorica di ska core, sonorità e vocalismi punk, rock, oi britannico, hardcore, reggae e raggamuffin... insomma: un'esplosione di musiche dure e combattive. «Semos tottus clandestinos» è invece il titolo del secondo lavoro discografico, sempre etichetta indipendente Maskamente records, arrivato nel 2010, quando i Ruja Karrera hanno dato voce ai poveri Cristi disperati in cerca di pane e acqua. Ora arriva questo dvd, terza prova per gli scapigliati di Siniscola, capitale del rock, patria degli intramontabili Kenze Neke come pure degli Askra. Con i Ruja che hanno anche innesti madrileni e sudamericani, tipo Joxemi Redin e Pirritx Porrotx Eta Mari Motots "featuring" in due canzoni contenute nel dvd. Con un'anima e un cuore tutti sardi, vista la formazione: gli instancabili fondatori Skakallo, Matteo Todde, Yuri Deriu e Carlo Sezzi, punti di forza della band che in questo suo sesto compleanno si arricchisce delle new entry Giovanni Ruiu, i fratelli Tatiana e Giovanni Giuranna, Fabio Serra e Diego Sanna. Mentre le coreografie sono di Giada Degortes e Remi Serra. Tutti in fila sulla stessa strada rossa. ©RIPRODUZIONE RISERVATA