«Sardinia is Life» a Capoterra A novembre la prima edizione

CAPOTERRA.La novità sarà la prima gara di endurance in mountain bike nell'isola. Ma nel ricco menù del «Sardinia Is life» figura pure il kitesurf, il nordic walking e il tiro con l'arco. La prima edizione della singolare kermesse multidiscipline messa in piedi dal comune di Capoterra l' 11, 12 e 13 novembre, promette di non deludere le aspettative dei tanti appassionati decisi a raggiungere il territorio campidanese nel fine settimana dell'estate di San Martino. Il discorso varrà soprattutto per gli appassionati della bicicletta, che diverranno protagonisti nel magnifico scenario naturale della comunità montana colpita dall'alluvione nel 2008.
L'organizzazione della gara sulle due ruote è stata affidata all'Arestis di Quartu S. Elena, che è riuscita a far sbarcare nell'isola una competizione lunga 6, 12 e addirittura 24 ore, nella quale si potrà partecipare nella modalità a squadre o in solitaria. In corsa per la vittoria ci saranno diversi big internazionali del settore, da Matteo Melis (campione italiano, secondo assoluto alla 24 ore della Val Rendena in Trentino Alto Adige) e Luca Brunelli (tranSardinier e nel 2011 finisher della Parigi-Brest-Parigi - 1200 km) fino a Ivano Alotti (nel 2011 finisher della 1001 miglia - 1600 km - e della Parigi-Brest-Parigi - 1200 km). Sarà una gara nella quale si correrà ininterrottamente di giorno, in serata e per tutta la nottata, con l'unico conforto dei piccoli fari del veicolo e della personale capacità di resistenza del singolo atleta. A tenere svegli ci penserà però l'adrenalina e la musica trasmessa dai disk jockey.
La spiaggia di La Maddalena sarà invece teatro del kitesurf, sport acquatico nato a fine millennio alle Hawaii che usa la potenza del vento come propulsore della propria tavola trascinata dal singolare 'aquilone" ad essa collegata con cavi lunghi fino a 27 metri. Lo spettacolo sarà assicurato dai freestyler in gara che sfrutteranno la particolare trazione verticale offerta dal mezzo non solo per prendere grande velocità ma anche per spiccare il volo con spettacolari salti acrobatici.
Nel menù della manifestazione anche il nordic walking, disciplina di origine finlandese con 10 milioni di praticanti al mondo che consiste nel camminare con appositi bastoni mettendo in movimento oltre il 90 per cento delle fasce muscolari del corpo. In Sardegna, per la prima volta, si gareggerà per 4 ore di fila. A chiudere la kermesse sarà infine la disciplina del tiro con l'arco, e sarà una gara resa singolare dagli organizzatori grazie all'utilizzo di sagome tridimensionali di animali in scala reale, attività che incuriosirà la fantasia di grandi e piccini e che permetterà di chiudere con successo annunciato questa prima edizione della manifestazione.

Mauro Farris