«Foreste aperte» a Montarbu

SEUI. Per il secondo anno consecutivo, «Foreste aperte», tesa alla scoperta dei tesori della natura della Sardegna, si terrà domani nella foresta demaniale di Montarbu, a Seui. L'iniziativa ha preso avvio lo scorso 22 maggio a Monte Minerva, nel Comune di Villanova Monteleone.
La terza edizione della manifestazione Foreste Aperte, organizzata dall'Ente foreste della Sardegna, prevede complessivamente otto tappe con visite in alcune fra le aree dell'isola di maggior pregio. E si inquadra fra le iniziative che vengono organizzate per l'Anno internazionale delle Foreste 2011, che è stato proclamato dall'Onu. L'edizione di quest'anno si caratterizza per la scelta di nuove aree che non furono interessate negli anni precedenti. «Il paesaggio - spiegano gli organizzatori delle otto domeniche dedicate a 'Foreste aperte" - è quello delle aree calcaree, con maestosi processi di erosione e carsismo, profonde incisioni e sorgenti, cascate e corsi d'acqua. Importanti dal punto di vista botanico la presenza di elementi relitti della flora terziaria quali l'agrifoglio, il tasso e l'acero trilobo. Fra le specie animali presenti il daino, il cervo, il muflone, l'aquila reale e il gatto selvatico». Nel corso della giornata nella foresta demnaile Montarbu, gli ospiti potranno godere del paesaggio e cimentarsi nelle varie attività proposte: passeggiate guidate, attività sportive (nordic walking, mountain bike, tiro con l'arco, orienteering), spettacoli, corso di fotografia naturalistica e anche vari laboratori di educazione ambientale. (l.cu.)