Un corso di neuropsicologia riabilitativa a Padru

PADRU.Psicologi, fisioterapisti, logopedisti, medici e terapisti della neuromotricità sono i destinatari del corso di alta formazione e aggiornamento professionale organizzato dalla Rsa Smeralda in programma questo fine settimana - si comincia domani - e nei prossimi week end di maggio. Corso di 'Neuropsicologia clinica e riabilitativa dell'adulto e del bambino", che ha il duplice scopo della formazione degli operatori sanitari che parteciperanno all'iniziativa, una trentina gli iscritti da tutta l'isola, e di avviare all'interno dell'Rsa padrese il nuovo servizio volto alla riabilitazione delle funzioni cognitive dell'assistito, attraverso l'inserimento di questa figura professionale. Lo staff docente che terrà le lezioni, selezionerà infatti uno psicologo, a cui sarà anche assegnata una borsa di studio (6 mila euro), che si occuperà del servizio nella residenza sanitaria. «Solitamente per corsi di alto livello come questo, gli operatori sanitari sardi si spostano nella penisola, l'organizzazione in loco, rappresenta quindi un'importante opportunità per il territorio, e si inserisce nella politica improntata sulla qualità portata avanti dalla nostra gestione», ha sottolineato ieri l'amministratore Giuseppe Casillo che ha presentato l'iniziativa insieme al sindaco Antonio Satta (foto). «Nella nostra struttura - ha spiegato ancora Casillo - assistiamo molte persone con disturbi neurologici dovuti a demenze o eventi traumatici. Questo corso, oltre alla formazione, consentirà alla struttura di offrire il nuovo servizio». Lo staff docente è composto da specialisti delle Università di Sassari e Napoli e dell'Asl di Cagliari, la direzione scientifica è di Maria Rita Piras dell'Istituto di Clinica Neurologia e Ambulatorio per le demenze, dell'Università di Sassari. Tra i patrocinatori, anche il Comune. Il sindaco ha elogiato l'Rsa, «struttura di eccellenza, a cui guardiamo con grande attenzione perchè possa migliorare sempre di più il suo servizio», ha detto Satta, difendendo la gestione della Smeralda, qualche giorno fa al centro di una protesta di sindacati e lavoratori. «Nonostante le difficoltà economiche, le cui responsabilità sono da ricercare nella Regione, la Smeralda ha sempre adempiuto ai suoi obblighi con i dipendenti». (t.s.)