Successo del Sardinia Raid

URZULEI. «Posti meravigliosi, unici. Sicuramente torneremo in vacanza con le nostre famiglie». È questo il commento degli atleti che hanno partecipato alla prima edizione del Sardinia Raid Adventure che si è svolto - come diceva la locandina - nel cuore del Mediterraneo.
Messaggio recepito, dunque. Proprio quello che si erano preposti l'assessore regionale al Turismo Luigi Crisponi, che ha creduto e incoraggiato la manifestazione sportiva, unica gara endurance non-stop con questo formato in Italia, e Telemaco Murgia, direttore di gara e deus ex macchina della manifestazione, che nonostante le intemperie è andata a buon fine ed è stata una buona promozione del territorio. «La Sardinia Raid Adventure - spiega Luigi Crisponi - rappresenta l'emblema di questo sforzo e di questo progetto. La prima gara di Raid Adventure in Italia si è svolta in una delle aree più incontaminate della Sardegna, dalle falesie del Supramonte, attraverso il fascino selvaggio e antico dell'Ogliastra, fino al mare del Golfo di Orosei: undici squadre di atleti provenienti da tutto il mondo si sono cimentate in una gara di 350 km con diverse discipline: orienteering, mountainbike, corsa, canyoning, kayak, attività su corda, trekking, nordic walking e speleologia. (n.mugg.)