Sagre campestri con novene e gosos


MACOMER.Con l'avvicinarsi della fine del mese di agosto nella regione del Marghine arriva l'ora delle sagre campestri. In numerosi centri del circondario, fino al 22 settembre, sarà un proliferare di feste che animeranno i suggestivi santuari ubicati nell'agro. Turisti, visitatori e fedeli prenderanno d'assalto le chiesette campestri e i caratteristici muristenes per assistere alle manifestazioni civili e religiose, per invocare una grazia o per sciogliere un voto. Il via alle sagre campestri verrà dato il 22 agosto a Borore con le novene in onore di San Lussorio Martire. La festa, che si svolge nel sagrato ubicato in prossimità dello svincolo per la Carlo Felice, si protrarrà fino al 31 agosto con un susseguirsi di riti religiosi e manifestazioni civili.
Dal 30 agosto al 7 settembre invece toccherà a San Bartolo (Silanus) dove la tradizionale novena e il rosario in sardo verranno celebrati nella chiesa di Santa Croce. Dal 7 al 17 settembre è in programma la secolare festa campestre in onore di 'Santa Maria 'e Sauccu" (Bortigali) che si svolge nell'omonimo villaggio montano situato a circa 700 metri di altitudine. Molto suggestiva la processione che accompagna le statue di Santa Maria Manna e Santa Mariedda, sotto la scorta dei cavalieri e dei fucilieri che a salve simulano la difesa della Madonna.
La statua di Santa Mariedda è stata di recente sottoposta a un accurato intervento di restauro, dopo i danneggiamenti subiti in occasione di un furto perpetrato nella chiesa parrochiale di Santa Maria degli Angeli. La borgata di Santa Maria 'e Sauccu, che si trova nell'agro di Bolotana, in questo periodo diventa una sorta di villaggio estivo per molte famiglie bortigalesi. Dal 13 al 21 settembre i riflettori saranno puntati sul suggestivo villaggio nuragico di Santa Sabina (Silanus), la chiesetta romanica del XII secolo dove comincerà la novena. Altre manifestazioni sono in programma anche nei santuari di Dualchi (San Pietro), Sindia (Nostra Signora di Corte), Lei (San Marco), Bolotana (San Basilio), Birori (Santo Stefano) e Macomer (Santa Maria).

Tore Cossu