Lotta agli incendi, potenziati gli impianti

OZIERI.Importante iniziativa per la lotta agli incendi del consorzio di bonifica del Nord Sardegna, che di recente ha incrementato il numero dei punti di collegamento per gli idranti.
Aumentano quindi le possibilità di effettuare un approvvigionamento idrico in caso di emergenza nei comuni del territorio del campo di Ozieri-Chilivani e del compendio dei sistemi di adduzione da invaso del monte Lerno.
Oltre a ciò, fanno sapere dal Consorzio, saranno messi a disposizione delle forze antincendio gli allacci alle reti idriche delle campagne dei consorziati.
In caso di emergenza - spiegano infatti dall'ente consortile - il personale dipendente del consorzio di bonifica del Nord Sardegna è a disposizione, anche con l'utilizzo dei singoli automezzi, per garantire il necessario rapido supporto a favore delle unità di intervento antincendio e facilitare cosi gli «attacchi rapidi» ad altre fonti, ricomprese all'interno delle aziende degli imprenditori agricoli consorziati.
Gli idranti fissi antincendio sono ora undici, e si trovano in diverse postazioni: sulla provinciale 1 a Ena Longa, tra Sant'Antioco e Pianu Ladu e a Mesu 'e Rios in località San Pantaleo; sulla provinciale 127 a Burghidu: sulla statale 199 di Monti dallo svincolo per la provinciale Badde Cheja a Cugono; sulla statale 597 a Crastos presso Mesu 'e Rios; sulla provinciale 102 di Ardara presso il campo aviazione in località Tola.
Ancora, in viale dei Casari a Chilivani; nel rione ozierese di Tramentu presso l'area di accesso agli impianti consortili e inoltre sulla 128 bis nei pressi della chiesa di Santo Stefano in località Vigne e nel tratto della Ozieri-Pattada presso lo svincolo per Badu 'e Rughe nonché più avanti vicino al manufatto di scarico sul Rio Badu 'e Rughe.
I punti di prelievo, alimentati dalle strutture del comprensorio irriguo - spiega il commissario Vanni Fadda - sono stati dislocati in posizione di fruizione strategica e praticità di manovra per gli automezzi e le attrezzature che di volta in volta vengono utilizzati per l'attività organizzata di prevenzione e lotta agli incendi, predisposta e gestita allo scopo dal sistema derivante dalle singole competenze poste in capo agli enti locali.
I punti di prelievo, individuabili attraverso l'apposita numerazione apposta sull'idrante, sono stati anche catalogati in una documentazione cartografica con ortofoto, disponibile in visione sul sito del Consorzio (www.cbnordsardegna.it) e in forma cartacea su richiesta presso gli uffici in via Vittorio Veneto a Ozieri.
L'attivazione dei nuovi idranti è stata di recente comunicata alle diverse istituzioni competenti, agli assessori regionali e alle direzioni generali per l'agricoltura e per la difesa dell'ambiente, al corpo forestale, ai vigili del fuoco, alla prefettura di Sassari e ai sindaci dei comuni di Ozieri, Pattada, Oschiri, Tula, Mores, Ardara e Ittireddu. A costoro il commissario chiede che sia attivato entro breve un contatto diretto, per definire tutti gli accordi di dettaglio.

Barbara Mastino