Quante emozioni

1º Maggio Ore 9.Bella giornata oggi. Ci narrano di una grande adunata al porto di Porto Torres. Tutto procede per il meglio. Fra poco l'isola sarà invasa.
Ore 11-13.Sono tantissimi, tutti colorati, tutti contenti di partecipare a una giornata straordinaria. L'atmosfera è bellissima, iniziano gli Istentales e cantano con noi la loro e nostra «Isola ribelle». Alla fine applausi e lacrime, di dignità e di coraggio. Dall'Asinara un grido di libertà, un grido di lotta per l'occupazione e contro il precariato.
Ore 13.15.Canta il coro di Neoneli, gli Etnias, con la canzone «Terra soberana» a noi dedicata, i giovanissimi rappers portotorresi Volti Strani.
Ore 16.Comincia la ritirata. Tutto è andato per il meglio. Anche la Torre ha fatto il 1º Maggio, tantissima gente anche li, emozione e commozione. Vi salutiamo, cari amici della Torre. Siete sempre con noi.
2 maggio Ore 9-12.Altra grande giornata. Salpa da Porto Torres altra folla, trasportata dal mitico comandante Carannante e dai suoi pirati arancioni. Arrivano nell'isola Concita De Gregorio, direttore dell'Unità, con Giommaria Bellu, sardissimo condirettore e la cronista parlamentare Maria Zegarelli. Nella compagnia c'è anche Renato Soru che dice di preferire l'isola dell'Asinara, schietta, popolare e genuina a mille Billionaire di Briatore.
Ore 12-16.Il tiranno Pietro e Gianmario illustrano la nostra vertenza di cui conoscono ogni particolare. Parla Vincenzo Tiana di Legambiente, indispensabile per la riuscita della manifestazione, e Francesco Barbato, impetuoso parlamentare dell'Italia dei Valori. Intervengono altri bravissimi relatori, come Concita e Guido Melis, parlamentare del Pd. I tenores di Bitti «Remundu 'e locu» tanto cari a Peter Gabriel, riempiono di voci potenti di Sardegna l'atrio del carcere. Tutto finisce in fretta, troppo in fretta, ma sono stati grandi giornate. Ha piovuto un po', anche il cielo si è commosso per un manipolo di operai e per tanta gente che in questi due giorni ha partecipato a un grande evento su un'isola incantata. Vogliamo ringraziare i partecipanti e tutti coloro che si sono uniti a noi nell'organizzazione. Intanto guardiamo il calendario: mercoledi c'è l'incontro tra l'Eni e la Ramco, ci auguriamo che porti buone notizie, ne abbiamo bisogno. Un saluto ai lettori dai profughi dell'isola dell'Asinara.