Disagi per le raccomandate, interrogazione al ministero

SASSARI.L'ufficio unico per la consegna delle raccomandate di Predda Niedda diventa un caso nazionale. Il deputato del Partito Democratico, Guido Melis, nei giorni scorsi ha presentato una interrogazione a risposta scritta al ministro delle Comunicazioni, Claudio Scajola. «L'ufficio si trova nell'estrema periferia della città - si legge nell'interrogazione - e sta creando enormi disagi ai cittadini, obbligati a raggiungere il nuovo ufficio con mezzi propri (data anche la difficoltà dei collegamenti con i mezzi pubblici), in orari disagevoli, in locali inadatti a sostare in lunghe file».
Guido Melis spiega che il disagio è particolarmente acuto per coloro che - come a esempio gli anziani - non possono guidare e non hanno la possibilità di accedere al servizio. «A questo si aggiunga che l'informazione sul servizio è carente - continua Melis -. Per esempio si deposita nelle caselle postali degli utenti un avviso nel quale l'ufficio viene dato per aperto il sabato mattina, mentre ciò non corrisponde a verità».
Di questi gravi disagi e delle proteste dei cittadini, oltre che la Nuova con diversi articoli, si è occupato il sindaco con una lettera al direttore di Poste Italiane.
«Nella lettera - spiega Melis nell'interrogazione - si denuncia il disservizio e si chiedono urgenti provvedimenti che vi pongano immediatamente fine. Chiediamo se il ministro non ritenga di intervenire tempestivamente presso Poste Italiane per sollecitare il ritorno alle precedenti modalità di espletamento del servizio, favorendo cosi le legittime richieste della cittadinanza e mettendo fine a un serio disagio che colpisce le categorie più deboli dell'utenza».