L'Eurospin si fa rimontare tre gol dal Tavagnacco


TAVAGNACCO - EUROSPIN TORRES:3 - 3
TAVAGNACCO:Buiatti, Donà (dal 38' st Battistin), Martinelli, Simonato (14' st Tommasella), Simeoni, Brumana, Di Filippo, Bucovaz (dal 16' st Minisini), Gama, Mauro, Stabile. All. Modonutti.
EUROSPIN:Winkler, Lay, Cortesi, Tona, Domenichetti, Marchio, Valenti, Sardu, Conti, Pintus (30' st Coluccini), Iannella. All. Ennas.
RETI:pt 11' Tona, 21' Iannella, 34' Sardu, st 25' e 46' Mauro, 50' Brumana.
TAVAGNACCO.Un'altra vittoria svanita in dirittura d'arrivo, un altro pareggio che sa di rabbia e che neppure la bella prova offerta sul campo dell'indomito Tavagnacco riesce a rendere digeribile. L'Eurospin gioca bene, segna e dilaga per un'ora di gioco, contro un avversario tosto e contro un direttore di gara (purtroppo va detto, visto l'orma profonda lasciata sulla partita e sul risultato) che a un certo punto ha cambiato gli umori e gli equilibri in campo, con l'incomprensibile cartellino rosso ai danni della già ammonita Pamela Conti, rea di essere caduta in piena area dopo aver 'ospitato" i tacchetti avversari sulla caviglia. L'evidente (come testimoniano le immagini televisive) rigore del possibile 4-0 rossoblù, al 18' della ripresa, si è trasformato nell'episodio che ha cambiato volto al confronto, deprimendo la squadra sassarese e spingendo alla caccia al pareggio, riuscita nel lungo recupero, quella di casa.
Simulazione. Cosi ha spiegato un assistente dell'arbitro all'allibita panchina sassarese, sebbene il fallo subito dalla trequartista torresina fosse apparso netto a tutti. Ma il signor Zanon di Portogruaro, dopo aver consentito l'intervento del massaggiatore per le cure alla dolorante trequartista e averlo poi invitato a proseguire fuori dal campo, ha sventolato ancora una volta il giallo, giustificandolo con l'uscita dal lato sbagliato del terreno di gioco della giocatrice.
Un siparietto tragicomico a 30' dalla fine, col punteggio saldamente nelle mani della Torres che era andata in vantaggio all'11' con Tona sugli sviluppi di un corner battuto da Domenichetti e aveva raddoppiato al 21' con Iannella, brava a dribblare il portiere con Conti a terra per un presunto intervento da rigore (non visto). Tra i due gol c'è la grande parata di Winkler sull'insidiosa conclusione di Stabile dalla distanza.
Al 34' arrotonda Sardu con una mezza girata da applausi e al 40' il palo nega il poker a Cortesi. Al 7' della ripresa è la traversa a dire no a Sardu e al 18'... il fattaccio, con le sassaresi in inferiorità numerica e le friulane galvanizzate dall'insperato 'aiutino", tanto determinate da minacciare due volte la porta rossoblù con Di Filippo e da accorciare le distanze con la doppietta di Mauro.
Al 5' di recupero il sogno del Tavagnacco (e l'incubo dell'Eurospin) si avvera, con la punizione dal limite di Brumana che si insacca alle spalle di Winkler e sancisce una parità che a cavallo dei due tempi sembrava impossibile.
Sandra Usai