Ittireddu, un passaggio a livello pericoloso per gli automobilisti

ITTIREDDU.Oramai lo scalo ferroviario Mores-Ittireddu è in fase di smantellamento, in ossequio ai nuovi progetti di Trenitalia Spa. La stazione della dorsale sarda della strada ferrata statale, che in un passato non tanto remoto serviva l'utenza dei due centri del Logudoro, è in fase di ridimensionamento: già da qualche mese, infatti, i binari appoggio al piano rialzato per lo scarico delle merci e per i convogli in transito sono stati «estirpati». Probabilmente è stata staccata anche l'energia elettrica che dovrebbe illuminare i semafori e azionare le due sbarre per impedire, momentaneamente, il traffico veicolare sulla statale 128 bis e non creare possibili inconvenienti al convoglio viaggiatori, diretto a sud, oltre che all'utenza della strada. L'ultimo mercoledi del mese scorso, intorno alle 15.30, diversi automobilisti hanno pututo vedere il treno passare (anche se ad andatura non eccessiva) con le sbarre del passaggio a livello alzate e i semafori spenti. Visto come stanno andando le cose nello scalo di Mores-Ittireddu, diventa oggettivamente discutibile la realizzazione della tanto voluta e, spesso, criticata «bretella» ferroviaria per accorciare i tempi di avvicinamento fra il nord e il sud dell'isola.