Solinas: «Facciamo chiarezza»

ORISTANO.Ha chiesto chiarezza. Con una forza cher forse nessuno si attendeva: Mauro Solinas, consigliere provinciale di Fortza paris nella seduta di mercoledi sera ha abbandonato la riunione dell'assemblea chiedendo che la maggioranza faccia chiarezza al proprio interno: «Parlo con i colleghi consiglieri e mi dicono che non ci sono problemi - dice Mauro Solinas - e poi leggo i giornali e vedo che ci sono tante polemiche. Ho volo voluto porre il problema. È bene che si vedano gruppi e partiti. Devono chiarire perchè in questo modo non si fanno gli interessi dei cittadini».
Solinas è stato ascoltato: per lunedi, infatti, è stata convocata una riunione di intergruppo. «Sarà utile per capire cosa bolle in pentola - dice ancora Solinas -. Non mi sembra che ci siano le condizioni per andare d'amore e d'accordo».
In aula le dichiarazioni di Solinas hanno dato vita a un dibattito. Mario Tendas (Ds) si è detto sorpreso della posizione assunta dal capogruppo di Fortza Paris e ha chiesto spiegazioni al presidente Pasquale Onida. «Solinas ha assunto una decisione personale e in piena libertà - ha detto Onida - ma ci sono anche dei motivi legati a un'altalena di illazioni che non portano da nessuna parte».
Sulla polemica legata al consiglio d'amministrazione della Sogeaor Onida ha ribadito di non essere interessato all'incarico: «Lo considero un momento volto solo ed esclusivamente a garantire il decollo dell'aviosuperfice».
Il consigliere sardista Sandro Murana ha ricordato che che gli atti assunti per la ricapitalizzazione «imponevano rigore e non spartizione di poltrone» e che appare giusta la scelta istituzionale di coinvolgere in prima persona il presidente della Provincia e il sindaco di Oristano in qualità di soci di maggioranza. «Se tutto questo sta generando una crisi politica - ha detto Murana -, lo si dica».
Onida ha replicato che il suo impegno continuerà sino a quando questo gli sarà consentito. «Se solo una delle delegazioni che fanno parte dell'esecutivo verrà ritirata - ha aggiunto Onida -, in quel giorno si aprirà una crisi che verrà aperta secondo le regole e le leggi vigenti».
Gianni Solinas di Forza Italia è intervenuto per dire che «non esiste alcuna crisi» e per invitare la giunta ad andare avanti.
Non sarà crisi, come dice Solinas, ma le manovre politiche a livello provinciale stanno di certo dividendo il centrodestra. Da una parte Uds, Udc, Forza Italia e Riformatori, che stanno elaborando un'alleanza in vista della prossime comunali, dall'altra An e Fortza paris. Forse Solinas non è stato informato di quanto i parlamentari e i consiglieri regionali anche del suo partito hanno discusso con i leader provinciali di Udc, Uds e Riformatori.