Torres, vittoria con tre addii


TORRES - VIGOR SENIGALLIA:3 - 1
TORRES: Bassano, Tona, Lay, Cortesi, Ceroni (dal 32' st Sardu), Valenti, Placchi, Conti (dal 32' st Pintus), Guarino (dal 24' st Ricco), Domenichetti, Pedersen. A disp. Marchio, Soro. All. Sanna.
SENIGALLIA: Brunozzi, Valeri, Pongetti, Mencaccini (dal 36' st Pagnetti), Tagliabracci (dal 23' st Magrini), Rosciani, Dulbecco F. (dal 41' st Irmici), Breccia, Vicchiarello, Dulbecco C., Perri. A disp. Mandolini. All. Censi.
ARBITRO: Scanu di Oristano.
RETI: pt 20' Guarino, st 13' Dulbecco F., 22' Guarino, 38' Pedersen.
SASSARI.Tre punti, tre gol e un triplo addio per ricordare l'ultima giornata di un campionato denso di difficoltà e chiuso al quarto posto. Lo scontro diretto in chiave Uefa (il torneo inizia venerdi in Calabria) contro il Senigallia vede il vittorioso congedo della Torres, che saluta col risultato più bello i suoi tifosi ma anche tre atlete che hanno fatto la storia rossoblù.
Per il capitano di sempre Monica Placchi e le attaccanti Guarino e Pedersen è stata l'ultima partita in serie A: le due italiane a fine stagione lasceranno l'attività agonistica, la danese ha invece scelto di tornare nel suo Paese. Per loro striscioni d'affetto e applausi in una partita che, complice il caldo e il peso di un'intera annata nelle gambe, non regala grandi spunti tecnici ma non lesina agonismo e voglia di superarsi.
Lo dimostra subito la squadra ospite, collezionando tre traverse in pochi minuti. Lo ribadiscono le ragazze di casa, rispondendo all'iniziale verve avversaria col gol di Rita Guarino, che si ripete nella ripresa e con una doppietta marchia il risultato e firma alla sua maniera la sua ultima presenza in A, dopo una carriera ventennale. La temuta Vicchiarello, match-winner all'andata, si presenta al 12' colpendo il legno superiore, con palla che ritorna in campo per la zuccata sotto misura di Fulvia Dulbecco, che finisce ancora sulla traversa. Bassano ringrazia la dea bendata anche al 16', quando ancora Vicchiarello dalla distanza fa tremare l'ormai usurata traversa, mentre al 20' si 'accende" il genio di Pamela Conti, che in versione fenomeno va via a un nugolo di difensori e suggerisce a Guarino, felicemente appostata sotto porta, il gol del vantaggio.
Quasi una beffa per le poderose marchigiane, che al 13' riequilibrano il punteggio con un notevole spunto di Fulvia Dulbecco. Il pareggio darebbe il quarto posto finale al Senigallia, con l'accesso a un più agevole girone eliminatorio nell'imminente torneo europeo, ma la Torres al 22' ancora la coppia Conti-Guarino confeziona la rete del nuovo vantaggio.
Al 37' c'è gloria anche per Merete Pedersen, che saluta e ringrazia Sassari infilando per la terza volta Brunozzi e mettendo al sicuro la vittoria.
Sandra Usai