Un'altra delusione per la Torres


TORRES - ATALANTA:1 - 1
TORRES:Bassano, Tona, Placchi, Marchio, Lay, Cortesi, Ceroni, Sardu (dal 2' st Conti), Ricco (dal 29' st Rassu), Valenti (dal 16' st Carboni), Guarino. A disp. Luzzu, Soro, Cherchi, Carai. Allenatore: Pintauro.
ATALANTA:Gritti, Zizioli, Rota M., Rota N. (dal 20' st Busi), Nespoli, Mangili (dal 36' st Marini), Scarpellini, Natali, Ramera, Ravasio, Riboldi (dal 46' st Caio). A disposizione:
Cavagna. All. Zonca.
ARBITRO:Gabbrielli di Oristano.
RETI:23' pt Zizioli (rig.), 16' st Conti.
NOTE:Espulsa al 46' st Bassano, Ammonite Nespoli, Marchio, Cortesi, Natali. Angoli 6-3 per la Torres.
SASSARI.La maledizione del 'Vanni Sanna" resiste e la Torres incassa un altro risultato deludente, che serve poco alla classifica e mina le ambizioni di rimonta verso un piazzamento Uefa. I soliti problemi, i soliti limiti e il solito avversario che sa approfittarne, almeno nel primo tempo: il confronto con la matricola Atalanta non ha detto niente di nuovo, poche le note positive per la squadra rossoblù e tante le ombre che si sono allungate su 90' lacunosi e aperti a ogni soluzione. Nonostante lo sgambetto di rigore subito a metà della prima parte di gara la Torres poteva (e doveva) ribaltare il punteggio, dopo il pari acciuffato con la rientrante Conti. Ma è anche vero che ha rischiato di perdere, ricordando l'occasionissima fiorita sui piedi di Scarpellini e finita sul palo a 3' dalla fine.
Combattiva e pericolosa con le veloci incursioni di Riboldi sulla sinistra e i movimenti smarcanti di Ramera al centro dell'attacco, le nerazzurre nelle battute iniziali hanno creato più di un grattacapo alla disorientata difesa sassarese, che ha denotato la mancanza di tranquillità e su uno dei tanti affannosi recuperi c'è scappato l'episodio che ha compromesso il risultato.
Al 22' l'intervento di Placchi (sembrato sul pallone) sull'accorrente Riboldi è punito con il calcio di rigore, trasformato da Zizioli nel vantaggio atalantino. La blanda reazione torresina è riassunta nel palo colpito da Sardu con un colpo di testa sotto misura, ennesimo segnale di una stagione priva di buona sorte. Musica meno lenta per la Torres nella ripresa, con Pamela Conti in campo (ma la giovane Sardu non ha demeritato) e una più evidente voglia di annullare lo spettro della sconfitta, testimoniata al 10' dalla zuccata di Guarino deviata in angolo da Gritti e coronata al 16' dallo spunto individuale di Conti, concluso con il gol del pareggio.
Gli effetti sono stati immediati: Atalanta meno spavalda, anzi impaurita e protesa a difendere la parità (senza però disdegnare il contropiede) e sassaresi più convinte delle possibilità di successo, sfumate al 20', 24' e 35' sui tiri imprecisi di Guarino, Placchi e Conti. E al 42' il grande brivido, con Scarpellini che s'invola verso il nuovo vantaggio e lo manca dopo aver evitato Bassano in uscita, colpendo la base del palo con palla che sul rimbalzo viaggia sull'intera linea di porta. Le emozioni non sono finite, perchè al 1' di recupero c'è il cartellino rosso a sorpresa (frase irriguardosa?) per il portiere sassarese, sostituito negli ultimi 2' dalla tuttofare e bravissima Tona.
Sandra Usai