E come aperitivo quattro gol


TORRES - VIGOR SENIGALLIA:4 - 0
TORRES: Forlucci (dal 36' st Winkler), Cortesi, Carrus, Tona, Ceroni, Domenichetti (40' st Rassu), Placchi, Conti (38' st Sardu), Masia, Gazzoli, Pedersen. (Valenti, Carboni, Pintus, Cannas-Aghedu). All. Pintauro.
VIGOR: Brunozzi, Perri, Dulbecco, Magrini (30' st Caruso), Breccia, Pongetti, Valeri, Mencaccini, Tagliabracci (30' st Irmici), Rosciani, Manieri.
ARBITRO: Perrotta di Tivoli.
RETI: pt 37' Conti, st 7' e 30' Pedersen, 25' Conti.
SASSARI.La rivelazione Vigor, imbattuta da sette turni, si arrende alla ritrovata squadra Torres dopo un buon primo tempo e le rossoblù possono cosi mandare un segnale forte e chiaro al Bardolino primo in classifica, che sabato la attende sul suo campo per i 90' che possono rimettere in discussione lo scudetto.
Il recupero contro l'ostica matricola marchigiana non poteva avere altri risultati per le sassaresi, impegnate a ridurre lo svantaggio (adesso di 4 lunghezze) in vista del big-match del campionato, ma la prima mezz'ora non convince e fa correre qualche brivido a una Torres poco costruttiva, in difficoltà a centrocampo e priva della determinazione necessaria per indirizzare subito su binari positivi la gara. E' invece tonica la Vigor, ordinata e anche pericolosa in due occasioni col giovane talento Raffaella Manieri, seguita con interesse dalla società sassarese. All'11' è la traversa a negarle il gol su punizione, al 13' il suo contropiede non sfocia in rete per una questione di centimetri (diagonale che lambisce il palo), ma la doppia minaccia mette in allarme le ragazze di un preoccupato Pintauro.
A svegliare dal suo pericoloso torpore la Torres ci pensa Pamela Conti, che al 37' sigla un gran gol, sbloccando il risultato e ridisegnando la gara. Con una girata al volo sul traversone dalla destra di Gazzoli la centrocampista siciliana, che ha compiuto 23 anni lunedi, non lascia scampo all'ex rossoblù Brunozzi (l'altra ex in campo è Domenichetti, arrivata a Sassari dal Senigallia due stagioni fa) e dà la prima scrollata alla sicurezza delle marchigiane, lontane dalla resa ma meno precise col trascorrere dei minuti.
Brunozzi si mette in evidenza al 44', deviando in angolo la bordata dalla distanza di Domenichetti, e al 46' sulla conclusione di Conti, ma non può impedire il raddoppio torresino al 7' della ripresa, sul colpo di testa sotto misura di Pedersen imbeccata da Carrus, protagonista di una (rara) incursione sulla fascia sinistra. E' il gol che chiude il confronto, perchè la Vigor non ha la forza di reagire e la Torres non è più quella dei primi spenti 30' e il suo raggio d'azione è più avanzato ed efficace. Al 10' la vivace Conti crea qualche problema a Brunozzi con un insidioso rasoterra, al 19' inventa un delizioso assist per Pedersen che sfodera un tocco di altrettanta classe ma fallisce di poco il bersaglio. L'attaccante danese non si risparmia neppure nell'invitare a rete le compagne e al 25' avvia la manovra che porta al terzo gol sassarese, firmato da Conti, ma al 30' è doppietta anche per lei: il suggerimento è di Gazzoli e sulla sua zuccata sotto porta è disperato e inutile il tentativo di un difensore sulla linea.
Arrotondato il risultato, c'è ancora spazio per un'emozione (traversa colpita da Ceroni al 37') e un timore, quando Forlucci deve lasciare il campo per un botta a un ginocchio che scricchiola da tempo. Sarebbe un bel guaio perdere il portiere alla vigilia della gara clou col Bardolino.
Sandra Usai