Il giudice blocca la serie B e la Coppa Italia

ROMA.«Bari-Messina si giocherà regolarmente, mentre ci riserviamo ogni decisione in relazione ad Acireale-Crotone e Pescara-Rimini, in programma il 18 agosto». Lo ha detto il presidente della Lega Adriano Galliani, commentando il provvedimento del Tribunale di Napoli che ha bloccato la serie B e quattro partite di Coppa Italia. Il giudice avrebbe commesso un errore: «Ma - ha spiegato Galliani (foto) - è comprensibile: per la serie B sono state ripescate Bari e Pescara in sostituzione di Napoli e Ancona, e il giudice ha ritenuto fosse stato cosi anche per la Coppa Italia. Ma Bari e Pescara avrebbero comunque giocato questa competizione, perchè le ripescate della Coppa Italia sono state invece Acireale e Rimini. Bari e Messina non c'entrano nulla e per questo giocheranno, senza andare contro quello che ha deciso il Tribunale di Napoli».
In mattinata, il Tribunale di Napoli aveva sospeso il calendario della serie B e quattro partite del primo turno di Coppa Italia, accogliendo il ricorso d'urgenza presentato dalla curatela fallimentare del Napoli dopo il mancato inserimento del club azzurro nella serie B. L'efficacia del calendario di serie B è stata sospesa dal giudice fino all'inserimento nella serie cadetta del Calcio Napoli e dell'avente causa Napoli sportiva spa, cioè la società di Gaucci. Inoltre, è stato sospeso il calendario della Coppa Italia Tim 2004-2004, limitatamente alle partite Bari-Messina e Pescara-Rimini, e del 22 agosto, tra Crotone-Bari e Ternana Pescara. Il giudice ha fissato per il 25 agosto l'udienza per la conferma, la modifica o la revoca del provvedimento.