La Torres-girl si tuffa nell'Italy Women Cup

SASSARI.Parte oggi l'Italy Women's Cup, torneo internazionale di calcio femminile che si disputa in Veneto e mette di fronte il meglio del pallone rosa italiano ed europeo. Una sorta di Coppa Uefa sperimentale che riunisce in un unico evento sport, cultura e turismo, è riproposta con durata più lunga (si conclude giovedi 10 giugno). In lizza le quattro squadre meglio piazzate nel campionato italiano - a eccezione della vincitrice, che calcherà il palcoscenico della Champions League - e altrettante formazioni europee seconde classificate nei loro campionati.
La manifestazione si svolge sotto l'egida dell'Uefa e punta a promuovere l'immagine del calcio femminile italiano passando dal campo a una serie di iniziative che coinvolgono il lato culturale e turistico della regione ospitante.
Le squadre partecipanti.Le italiane in gara sono Torres, Milan, Lazio e Bergamo, classificate dal secondo al quinto posto nella serie A. Sassaresi e laziali bissano l'esperienza dello scorso anno mentre milaniste e orobiche sono le novità e sostituiscono Monza e Bardolino. La Lazio si è aggiudicata la prima edizione, la Torres non era invece andata oltre il turno di qualificazione. Le formazioni estere invitate sono Sv Saestum (Olanda), Wfc Lada (Russia), Legend Chernigov (Ucraina) e Hjk Helsinki (Finlandia). La squadra olandese è alla seconda partecipazione e come la Torres aveva esordito con poca fortuna. La giovane compagine russa arriva da Togliattigrad e non ha grande esperienza a livello internazionale mentre è molto più temibile quella finlandese, vittoriosa avversaria delle rossoblù nel 2001 nella prima Coppa Campioni. Dall'est europeo arriva anche il Legend, due presenze in Champions e vincitrice del campionato nel 2003.
La testimonial.Il torneo ha nel volto di Monica Placchi il suo simbolo. Il capitano torresino è infatti stato scelto in qualità di veicolo pubblicitario della manifestazione, rilevando nel ruolo la brasiliana Milène Domingues (in arte Ronaldinha) che da giocatrice del Monza fu l'immagine della prima edizione. Un bel riconoscimento su scala internazionale per la Torres e per la sua più autorevole atleta, che da 18 anni indossa la maglia rossoblù e rappresenta al meglio la caparbietà sarda femminile in ambito sportivo.
Il calendario.Quattro squadre per due gironi: nel gruppo A giocano Torres, Lazio, Legend Chernigov e Sv Saestum, nel gruppo B Milan, Bergamo, Lada e Helsinki. Gara inaugurale oggi a Bibione (ore 20,30) tra la Lazio detentrice del trofeo e le olandesi del Saestum. Domani si affrontano a San Donà di Piave Torres e Legend, a San Stino di Livenza Bergamo e Lada e sul campo di Quarto D'Altino Milan e Helsinki. Seconda giornata venerdi 4: per il girone A Saestum-Torres e Legend-Lazio sui campi di Eraclea e Meolo, per il girone B Lada-Milan e Helsinki-Bergamo a San Donà e a Cavallino Tre Ponti. Terza giornata domenica 6: Lazio-Torres e Legend-Saestum sono le gare del girone A (a Quarto e Caorle), Bergamo-Milan e Lada-Helsinki (a Bibione ed Eraclea) chiudono il girone B. Le prime due di ogni girone accedono alle semifinali, in programma l'8 giugno a Musile di Piave e Portogruaro. Finali per il terzo e primo posto a Concordia e Caorle il 10. Tutte le partite si disputano in notturna, tranne la finale di consolazione che si gioca nel pomeriggio.
Sandra Usai