La pagina più brutta dei Ds Jerzu, l'ex segretario Mura critica i compagni


JERZU. Domenica 20 è stata forse scritta la pagina più brutta nella storia dei Ds sardi. Parola di Peppino Mura, ex segretario della Federazione Ogliastra-Sarcidano del Pci e del Pds poi, oltre che ex segretario generale della Camera del lavoro di Tortolì. «Purtroppo _ afferma l'esponente diessino _ chi aveva le responsabilità politiche più alte, ha volutamente rinunciato a tale esercizio con un atto privo di qualsiasi nobiltà politica e ruolo dirigente. Ha abbandonato il campo, contribuendo a fare in modo che si determinassero le condizioni per non potere giocare la partita». «Lo spettacolo offerto da alcuni dirigenti _ aggiunge _ è annoverabile fra i più demotivanti per quanti concepiscono la politica come impegno volontario e gratuito. Di questo passo, la politica continuerà a restare estranea alla società e la sinistra proseguirà il suo declino». Per Mura, quanto accaduto domenica nel corso dei lavori dell'assise diessina isolana, non imprimerà di certo un'accelerazione al processo di amalgama e di ricomposizione della sinistra sarda. Fra l'altro, il progetto politico alla base della costituzione della Sinistra federalista sarda, cui molti avevano aderito con entusiasmo, corre un serio rischio di indebolimento. «E cosa si può dire _ prosegue _ di quel candidato che in poco più di due ore ha raccolto le firme per la sua candidatura, ha poi pronunciato anche il discorso programmatico, chiedendo i voti ai delegati, per poi fare comunicare, subito dopo, che non avrebbe partecipato al voto. Non mi pare possa definirsi un forte gesto di lealtà politica e neppure un grande contributo all'unità del partito. Le parole senza fatti diventano solo inutili chiacchiere». «Ci siano almeno risparmiate _ conclude l'ex segretario di Federazione del Pci-Pds e della Camera del lavoro d'Ogliastra _ perché è poco dignitoso continuare a calpestare l'intelligenza dei militanti. Quelli che hanno impegnato la propria vita _ sul serio _ di militanza di servizio». «Riflettiamo tutti su quanto è accaduto com maggiore umiltà _ conclude Mura _. Si può servire il partito facendo, quando necessario, un passo avanti. Ma si può servirlo anche meglio, facendone due indietro».(l.cu.)