«Prendiamo le redini della comunità montana»


TORTOLI'. Un forte invito a tutte le forze politiche che si riconoscono nel centro-sinistra, affinché facciano uno sforzo per riuscire ad assicurare, in tempi stretti, alla Comunità montana 11, una guida in grado di svolgere un rulo centrale nelle vicende politiche. A farlo è il segretario della Federazione Ogliastra-Sarcidano-Barbagia di Seulo dei Democratici di sinistra, Franco Murgia. «L'Ogliastra, si trova sempre più in una posizione di debolezza _ dice l'esponente diessino _ e ai fattori storici che hanno limitato l'esprimersi delle potenzialità, oggi sembra aggiungersi anche una sempre crescente debolezza politica che funge da freno anche alle poche opportunità che si pongono in campo. Alle carenze interne si aggiungono quelle di derivazione esterna. Come esempio si può prendere quella della cartiera di Arbatax, che solo pochi mesi fa sembrava felicemente conclusa, mentre ora è ripiombata nelle nebbie dell'incertezza». A parere del segretario dei Ds, la debolezza del territorio appare in tutta la sua evidenza soprattutto se paragonata ad una stagione _ quella degli ultimi anni _ che si era caratterizzata per una ritrovata coesione delle forze politiche locali che si riconoscono nel centro-sinistra: «Proprio questa, aveva portato l'ente più importante, ovvero la Cm 11, ad essere punto di riferimento riconosciuto e riconoscibile di tutte le amministrazioni comunali in tutte le battaglie politiche, anche al di là delle sue specifiche competenze. Stagione che si era completata con il riconoscimento, per il nostro territorio, dello status di Provicia». Le ultime cronache vedono invece la Comunità montana 11 e le forze politiche che la governano, in forte difficoltà nel ritrovare le ragioni dello stare insieme: «Come dar torto, oggi, alle riflessioni della Cns d'Ogliastra e di legambiente, che manifestano il disagio della mancanza di un vero riferimento politico e amministrativo regionale? Qualche mese fa, si è giocata la prima partita dei Pit, che ci ha visti esclusi. A mio parere, molto è dipeso dalla fragilità dell'elaborazione politica che lo sosteneva». Vogliamo affrontare il secondo bando nelle stesse condizioni o la Cm deve riappropriarsi del ruolo di coordinamento?». Per Franco Murgia, invece di discutere di problemi importanti, vedasi la questione dei rifiuti solidi urbani, trascinatasi per troppi anni, i partiti si confrontano soltanto sull'organigramma dell'ente. «Di fronte a tutti i problemi e alle reali motivazioni esistenti _ prosegue il segretario della Federazione Ds _ il nostro partito ritiene che la questione della presidenza sia quella meno importante e che vada affrontata senza pregiudiziali di qualunque genere». «Ogni gruppo politico del centro-sinistra _ aggiunge Murgia _ dispone delle risorse umane adeguate a ricoprire questo ruolo. Inoltre, se può essere utile all'economia dei rapporti interni al tavolo del centro-sinistra e dei tempi oramai non più rinviabili per una soluzione, i democratici di sinistra fin da ora sono disposti a rinunciare alla propria candidatura. In maniera responsabile, vogliamo mettere al centro del dibattito politico, dandogli assoluta priorità, la coalizione. Siamo pronti a fare la nostra parte fino in fondo, per consentire una soluzione positiva delle questioni». Lamberto Cugudda