DALLA REGIONE Stazione marittima, in arrivo un miliardo


PORTO TORRES. Un miliardo per la stazione marittima del porto di Porto Torres. Arriva dalla Regione, grazie a un emendamento presentato dai rappresentanti del centro sinistra e votato ieri in consiglio regionale con un fronte piuttosto largo (anche della maggioranza).L'emendamento è stato presentato dai consiglieri regionale dei Ds, Ppi, Prc, Psd'Az, Federazione socialisti della provincia di Sassari, nel corso della discusione sulla manovra di assestamento del bilancio regionale. Il provvedimento prevede la destinazione di un miliardo per l'avvio della realizzazione della stazione marittima del porto turritano. In realtà i consiglieri regionali avevano chiesto uno stanziamento di 2 miliardi e mezzo (tanti erano quelli necessari per la tensostruttura, mai decollata), ma non è stato possibile reperire le risorse. La giunta regionale, però, si è impegnata a destinare l'ulteriore somma necessaria di un miliardo e mezzo nella prossima manovra finanziaria. I consiglieri regionali di opposizione alla giunta Floris hanno espresso «soddisfazione per il risultato della loro battaglia che consente di avviare a soluzione il grave problema della stazione marittima e di realizzare un dignitoso servizio d'accoglienza a tutti i passeggeri che transitano nell'arco di tutto l'anno a Porto Torres». Complessivamente sono circa un milione e mezzo le persone che transitano ogni anno nello scalo marittimo turritano.