Selargius, salvezza sempre più vicina Campidanesi troppo nervosi si fanno raggiungere dall'Entella


SELARGIUS ENTELLA 1 1 SELARGIUS: Picasso 6, Marci 6, Spedicato 5,5, Cirina 5,5, Medda 5,5, Spini 6, Sanna 6 (dal 33' s.t. Mocci s.v.), Locci 5, Madau 5,5 (dal 20' s.t. Congiu 6), Canosa F. 5,5 (dal 47' s.t. Pinna s.v.), Ruggeri 6. ENTELLA: Speranza 6, Puppo 6, Leone 5,5, Dolcetti 6, Zitto 5,5, Doni 6, D'Elia 7, Neri 6,5, Falaguerra 5,5 (1' s.t. Russo R. 6), Carillo 5 (1' s.t. Tegolo 6), Russo J. 5,5 (20' s.t. Menini s.v.). ARBITRO: Parisi di Tivoli 5. RETI: al 29' p.t. Sanna, al 37' p.t. Neri. SELARGIUS. Deve avere una naturale inclinazione a farsi del male il Selargius, bloccato dall'1-1 dall'Entella. Ancora una volta la squadra di Giorgio Asuni ha fallito la possibilità di allontanarsi definitivamente dalla zona pericolosa. Vi rimane ai margini (sono saliti comunque a 6 punti di vantaggio sull'Olbia, quart'ultimo). In questo ricorda certi bambini che non possono fare a meno di infilare le scarpe nelle pozzanghere. Il Selargius continua così con lo sprecare quanto di buono realizza in trasferta. Quello di ieri coi liguri, per i campidanesi non era proprio un match-point, ma certamente un game importante per avvicinarsi alla salvezza. Il Selargius ha usato poco il gioco sulle fasce. Non avendo lo sbocco sulle corsie laterali per la poca spinta di Locci a destra e Sanna a sinistra, i padroni di casa nel secondo tempo si sono interstarditi nel pallonetto. Nei lunghi rilanci dalla propria tre quarti a scavalcare il centrocampo dell'Entella per cercare di mettere in movimento Ruggeri e Madau. Due attaccanti però non adati agli smash di testa (in questo senso pesante si è rivelata l'assenza dello «schiacciatore» O'Neill, costretto a scontare l'ultimo turno di squalifica), ma piuttosto ai dialoghi con palla a terra. I traversoni sono stati perciò quasi tutti controllati dalla difesa ospite. Il Selargius è mancato nella zona mediana del campo, dove non c'era un uomo in grado di scandire i tempi dell'azione. Asuni ha preferito un quartetto più dinamico rinunciando in partenza a Congiu per riproporre il terzetto (Medda, Fabrizio Canosa e Sanna) che lo aveva convinto domenica scorsa, completandolo con Locci al posto dello squalificato Cappai. Quella base la difesa, con Marci e Spedicato esterni e Cirina e Spini centrali. Nulla lascia presagire in avvio le difficoltà che incontrerà poi nel corso della partita. La squadra campidanese infatti nei minuti iniziali sembra trovare buoni spazi sulla destra. Al 2' si sgancia Locci che mette in mezzo. Sul traversone non interviene la difesa ligure e Ruggeri si avventa sul pallone. Il controllo però non è preciso e Speranza in uscita sventa la minaccia. Ancora un'iniziativa pericolosa di Locci al 15' che trova il varco giusto sbagliando la misura del passaggio. Impossibile per Madau e Ruggeri intervenire. L'Entella si assesta e replica. Al 20' Picasso è costretto all'uscita in scivolata su Falaguerra entrato in area sulla destra. La sfera rimane all'attaccante ospite che serve al centro per Neri. La deviazione con la punta del piede sorvola la traversa. Un minuto dopo il campanello d'allarme suona dall'altra parte. Dalla sinistra il diagonale di Jorge Russo risulta troppo largo come tiro e troppo lungo come assist per Falaguerra e Carillo. Il Selargius nella fase centrale del tempo prende il sopravvento. Al 26' Ruggeri vince un duello aereo su un traversone dalla destra di Madau e timbra il palo alla sinistra di Sanna che va a sbattere contro il montante, ma la palla rotola in rete prima dell'intervento di Madau. Il vantaggio distrae i padroni di casa. Al 37' sulla punizione di D'Elia la disattenzione è collettiva. Zito a centroarea può allungare per Neri che in corsa, all'altezza dell'area piccola, trafigge Picasso. Nella ripresa il Selargius lascia la scena all'Entella. Non che gli ospiti creino chissà quali occasioni, ma sostano in modo costante nella trequarti selargina. L'opportunità migliore è però di Ruggeri che costringe Speranza al volto sotto l'incrocio per deviare in angolo un'incornata di testa. Al 45' viene espulso Doni per doppia ammonizione. Massimo Torresani