INDOOR DI ATLETICA La nuorese Sara Palmas conquista un altro argento negli 800


GENOVA. Ancora una medaglia per Sara Palmas ai campionati italiani assoluti indoor di atletica leggera a Genova. La mezzofondista nuorese dopo la vittoria nella prima giornata sui 1500 ha giocato sino in fondo le sue carte nella cara degli 800 e nonostate le non perfette condizioni di forma, solo alla fine ha dovuto cedere alla forte cedere alla forte atleta della Forestale Patrizia Spuri. La seconda e conclusiva giornata dei tricolori indoor ha fatto registrare il nuovo record italiano di Francesca Dolcini (Sai Assicura), nell'asta con 4,15. La Dolcini è detentrice anche del primato nazionale all'aperto. L'atleta con 4,26 ha migliorato il record indoor stabilito con 4,12 da Maria Chiara Bresciani il 30 gennaio scorso. La mattinata per l'atletica leggera sarda era iniziata in maniera molto incoraggiante con l'esordio più che positivo dello sprinter di Marrubiu Giorgio Marras (Fiamme Oro) nei 200. Marras con il buon tempo di 21"58 vinceva la sua batteria ma nel pomeriggio in semifinale rinunciava alla gara. Qualificazioni tranquille anche per Sara Palmas negli 800 con il secondo posto in 2'14" e per Davide Cadoni (atleta di Samassi delle FF.Oro) nella stessa gara che vinceva, con un violento cambio finale, con 1'52". Proprio il dispendio di energie della mattina, sommate a quelle del giorno prima sui 1500, portavano Cadoni ad una finale senza storia. Nella gara vinta da Giuseppe D'Urso con 1'50"31 davanti a Chiavarini e De Meo (1'50"91 e 1'51"36) Cadoni era solo 8 con 1'54"64. Ben diverso il discorso per Sara Palmas (Cus Cagliari) che dopo il titolo dei 1500 tentava l'accoppiata degli 800. Era lei a fare subito l'andatura e transitava ai 400 in 1'07". Purtroppo le rimaneva incollata la Spuri che nello sprint finale andava a vincere con 2'09"34. La mezzofondista del Cus Cagliari era, comunque, seconda con 2'10"34 e nettamente staccata Chiara Grossutti (Cus Torino) chiudeva con 2'11"78 al terzo posto. Nardino Degortes, tecnico sia della Palmas che di Cadoni ha commentato: «I 1500 di Davide sono stati belli. Se avesse corso solo gli 800 avrebbe fatto bene ugualmente anche in questa gara. Sara, che non era particolarmente in salute, tutto sommato ha fatto molto bene. Col senno di poi avrebbe anche potuto rischiare un po' di più negli 800 e la Spuri avrebbe avuto vita dura. Abbiamo recuperato moralmente e questo è importante». Nei campionati indoor di Genova c'è da segnalare anche il 7 posto di Francesca Broggi (Cus Cagliari) nel triplo con 12,55 e la prova della primastista regionale Francesca Dessì (Cus Ca) che nell'asta con 3,40. Da ricordare l'ottima prestazione di Pier Paolo Sanna (atleta del Cus Ca ora con l'Aeronautica) che ha fatto segnare il suo nuovo personale dei 400 con il buon 48"61. Roberto Spezzigu