Durante la proiezione di «Musica del cuore» Meryl Streep recita e Clinton si addormenta


NEW YORK. Cattivo esordio per «Musica del cuore», il melodramma del re dell'horror Wes Craven con Meryl Streep nel ruolo di Roberta Guaspari, carismatica insegnante di violino italo-americana che redime una scuola di Harlem. La pellicola, presentata in settembre a Venezia e da venerdì nelle sale Usa, è stata mostrata in anteprima a Bill Clinton nel cinema privato della Casa Bianca: solo che, nel bel mezzo della proiezione, il presidente americano si è addormentato. «Musica del cuore» non ha fatto soltanto russare Bill Clinton: il film ha provocato una vera e propria rivolta a Central Park East, la scuola di Harlem dove la storia di Roberta è ambientata. «Hollywood ci ha tradito: per esigenze di copione ha fatto di noi una scuola della violenza mentre siamo sempre stati una scuola-pilota dove i genitori middle class facevano la fila per iscrivere i figli», è insorta Deborah Meier, la fondatrice di Central Park East, nelle cui aule Guaspari ha insegnato davvero. Reduce da un divorzio, con una cassa di 35 violini e un disperato bisogno di impiego, 19 anni fa Roberta Guasperi riuscì davvero a farsi assumere a Central Park East e portò i suoi allievi a trionfare in concerto a Carnegie Hall accompagnati da Isaac Stern e Itzhak Perlman. In «Musica del cuore», Meryl Streep fa della vera Guaspari la formidabile insegnante che fu nella vita, sullo sfondo però di un deserto culturale macchiato da sparatorie, violenza, insegnanti svogliati, genitori ostili. Un "normale" paesaggio delle realtà urbane statunitensi che però, a quanto pare, non corrisponderebbe al caso narrato. «E il solito stereotipo hollywoodiano: l'insegnante severo e impegnato che redime le anime perse in una scuola pubblica del ghetto», è stata la protesta unanime degli educatori associati con l'esperimento di Central Park East. Nel film di Craven la violenza è scandita con il metronomo. Un ragazzo porta un coltello a scuola. Un altro è ucciso in strada da un proiettile vagante. Una nonna è assassinata durante una rapina. Una giovane allieva di Roberta dà addio al violino quando sua madre è costretta a nascondersi in un ospizio per vittime di violenza domestica. Un'altra madre ritira il figlio dalle lezioni di violino perchè non vuole che impari «la musica creata dagli uomini bianchi». E Deborah Meier, che nel film è interpretata dall'attrice nera Angela Bassett, è in realtà bianca. La stessa Guaspari, che insegna tuttora a Central Park East e ha fatto da consulente per «Musica del cuore» ha dovuto ammettere che Hollywood ha lavorato di fantasia: «Non ci sono mai stati coltelli, nonne uccise, sparatorie nel periodo raccontato dal film. E nessun genitore si è mai lamentato dell'insegnamento della musica».