Arrivano i profeti della Beat Generation Corso, Ferlinghetti, Arrabal e tanti altri a Cagliari per una tre giorni


CAGLIARI. A Cagliari è in programma per la prossima fine della settimana un insolito evento, una manifestazione che mescola beat, post-surrealismo, free jazz, poesie in forma di canzone. Protagonisti di readings e performance saranno presenze mitiche della beat generation come Gregory Corso, Lawrence Ferlinghetti con i suoi recentissimi blues o il fondatore dei Fugs Ed Sanders, e ancora il surrealismo beat di Philip Lamantia (per la prima volta in Europa), la parola rituale nelle performance vocali di Anne Waldman, la poesia della vita quotidiana di John Giorno. A loro fianco i fondatori del «movimento Panico» Fernando Arrabal con i suoi «Arrabalesques» e lo scrittore e regista Alejandro Jodorowsky con le sue visioni metafisiche, e straordinari maestri della poeticità sonora come Steve Lacy («padre» storico del sassofono jazz), che proporrà le composizioni ispirate ai versi di Ferlinghetti. Queste saranno «Le notti delle comete», tre serate, il 9-10 e 11 luglio, in cui lo spazio all'aperto Exmà dalle ore 21 si trasformerà in cassa di risonanza per «Poiesis Poesia», ovvero «fare poesia», Festival internazionale delle arti poetiche organizzato dalla Cooperativa Teatro Alkestis con City Lights Italia. Occasione preziosa per numero e qualità delle proposte, che rifiuta l'etichetta nostalgica per riappropriarsi della necessità poetica, per raccogliere l'eredità profonda di stagioni fra le più importanti del Novecento, in cui la poesia si fondeva con il corpo e con la vita. Il ricchissimo programma prevede tra le esibizioni dei numerosissimi artisti, anche una buona presenza di italiani. Ci saranno cantautori come Cladio Lolli e Luigi Grechi De Gregori (fratello del più noto Francesco, il beat ante litteram Antonio Infantino (autore di poemi folk-rap), il poeta-filosofo Gianluigi Becchi, l'ironico inventore di ballate David Riondino e alcuni rappresentanti della nuova esperienza poetica italiana (Luca Del Punta, Sergio Talenti, Carmine Mangone, Claudio Nobbio e Massimiliano Chiamenti).

Roberta Sanna