Dopo la cremazione la cerimonia nella cappella di famiglia De Andrè, ultimo viaggio


GENOVA Ora riposa all'ombra di due cipressi, in un nicchia di marmo bianco insieme al fratello Mauro, racchiuso in una specie di abbraccio tra la madre Luisa ed il padre Giuseppe. Le ceneri di Fabrizio De Andrè da ieri mattina riposano nella cappella di famiglia, lungo uno dei viali del cimitero di Staglieno, a Genova. A salutarlo per l' ultima volta sono stati i figli e le due mogli. La cerimonia di tumulazione si è svolta alle 10,30 in una giornata senza colori, grigia e ventosa. All' ingresso del cimitero si sono presentati i familiari di De Andrè, Cristiano, Luvi, Dori Ghezzi e, in leggero ritardo, Enrica "Puny" Rignon. Un inserviente ha deposto tra le braccia del figlio del cantautore una cassetta di legno scuro, nel quale erano raccolte le ceneri di Fabrizio, ed il piccolo corteo si è mosso in silenzio verso la cappella. Ad attendere davanti alla tomba della famiglia De Andrè una piccola folla di curiosi. Cristiano, tra le lacrime, ha deposto la cassetta nel loculo dove già sono custodite le ceneri di Mauro, fratello del cantautore in mezzo alle tombe della mamma, Luisa Amerio, e del papà, Giuseppe. Fuori, in mezzo alla piccola folla, Dori Ghezzi e la prima moglie del cantante si sono strette in un lungo, commosso abbraccio.