I Colombarini vogliono sempre la squadra del secondo tempo

milano. «Non avevo speranze ma per me è stata una grande soddisfazione vedere la Spal giocare il secondo tempo in quel modo». Nonostante la sconfitta, manifesta soddisfazione il patron biancazzurro Francesco Colombarini per la prestazione della Spal sul campo dell'Inter. «Le potenzialità per fare meglio ci sono - aggiunge Colombarini senior -, i giocatori pure e sono convinto che la squadra farà bene nelle prossime gare. Siamo partiti con molti timori reverenziali, poi nel secondo tempo siamo usciti molto bene e per me la Spal è stata sublime».soccombere«Il loro allenatore - continua Francesco Colombarini - temeva di soccombere visto che per loro, che a questo punto sono andati in testa alla classifica, fare un pareggio con noi sarebbe stato estremamente deludente. Era una gara dalla quale alla vigilia non pensavo di tornare con punti, va bene così e ribadisco che sono contento di come ha giocato la Spal». L'analisi della partita di ieri pomeriggio al Meazza la prosegue il figlio Simone Colombarini: «Abbiamo giocato bene nel secondo tempo, purtroppo non è stato sufficiente per fare punti ma sono contento. Questa è una chiara dimostrazione che, se riusciamo giocare senza timori, mettiamo in difficoltà anche una squadra come l'Inter. Dobbiamo quindi vedere una Spal così anche in altre partite e dall'inizio».libertà«È evidente che nel secondo tempo, sotto di due gol, i ragazzi hanno giocato con la mente libera perché non c'era più niente da perdere - riflette Simone Colombarini - ma bisogna giocare così sempre. Ovvio che in questo modo si rischia di più e l'Inter ha segnato nelle sole due occasioni che ha avuto nel primo tempo, mentre nella ripresa ne ha avute diverse in più però noi all'inizio eravamo in campo con il freno a mano tirato e siamo stati poco propositivi. Siamo una squadra che può lottare, voglio vedere questo atteggiamento mercoledì in Coppa Italia col Lecce e domenica col Brescia per portare a casa i tre punti».«La Spal del secondo tempo deve togliere ogni alibi - chiude Colombarini junior -: la squadra c'è, le potenzialità ci sono, bisogna giocare cosi tutte le gare. Sconfitte ci potranno essere ma non vogliamo vedere più in campo una Spal con poca grinta e cattiveria». -- Andrea Tebaldi BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI