Bandiere rosse per l'addio all'ex presidente del consiglio

COPPAROIeri la comunità copparese ha dato l'ultimo saluto ad Adriano Boscolo, politico locale, amministratore, sindacalista, scomparso qualche giorno fa dopo una lunga malattia. Il funerale, con rito civile, è partito dalla camera mortuaria della Casa della salute di Copparo sotto un cielo grigio, in un'atmosfera cupa, spezzata solo dalle bandiere rosse, abbrunate, dei circoli di Rifondazione. C'erano i parenti, gli amici, i compagni e tante persona. C'erano Alfredo Bertelli, Diego Carrara, Donato Selleri, Iglis Cusinatti, Elvio Perelli, Igor Bergamini della Rsu Berco, e Stefano Bondi, che ne ha fatto parte a lungo. L'ex sindacalista Cattani, Cristiano Bulgarelli; Elisa Trombin, sindaco di Jolanda, e Nicola Rossi, sindaco di Copparo con la fascia tricolore, insieme agli assessori Enrico Bassi e Marco Mazzali; e poi rivali politici come Alessandro Amà e Bruna Cirelli. E tanti altri, che hanno accompagnato la moglie Gianna e i figli Catia Terry e Michele per l'ultimo saluto. Era piena, la sala del Commiato del giardino della cremazione. Margherita Aurora ha chiuso il suo messaggio ricordando che «la sua visione era giusta. Aveva ragione». Il sindaco Rossi, con una conoscenza diretta oltre i rapporti politici, ha ricordato la sua assoluta lealtà. Cattani ha ricordato gli esordi di Boscolo alla Berco e gli insegnamenti ricavati dal loro rapporto. «Era un comunista. Era un amico vero. Rimane un ricordo indelebile» ha detto Elves Ricci in lacrime. Poi Giovanni Tavassi (Rc Portomaggiore), Daniela Fuschini del circolo di Massa Fiscaglia e il segretario provinciale Stefan ia Soriani. Alla fine un intervento commosso del figlio Michele: «È stato ricordato in tutte le sue vesti, io lo ricordo come papà. È stato padre, e lui è cresciuto senza padre (era orfano di guerra, ndr) e marito esemplare. Ci ha dato tutto. Fatico a pensare che non sarà più vicino a noi. Grazie a tutti quelli che sono intervenuti e agli angeli dell'Hospice di Codigoro, ai parenti, a mamma che gli è rimasta vicino e ci ha dato la forza di farlo». -Alessandro Bassi BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI