Carife stringe per cedere il leasing

I commissari Carife e l'intero organo di controllo della banca sono andati in missione a Roma, due giorni fa, ed a questo punto i dipendenti si attendono qualcosa di più dei semplici auguri natalizi negli incontri pre-feste già fissati con i rappresentanti sindacali all'inizio della prossima settimana. Il dossier caldo resta Commercio e Finanza, dove Gianni Capitanio sarà appunto lunedì: a Napoli rimbalzano da giorni voci di novità imminenti sulla trattativa per la cessione della società di leasing, ma di conferme ufficiali ancora non ce ne sono. Ad essere tornata in primo piano sarebbe la cordata scelta come principale interlocutrice dai commissari, che fa perno su Fonspa, Royal Bank of Scotland e il fondo americano Blackstone, la cui iniziale proposta di acquisto venne però giudicata insufficiente. Qualche settimana fa risulta sia stata presentata una seconda proposta, ed è su questa che si sarebbe concentrato il tentativo di concludere l'operazione, che avrà ripercussioni sul patrimonio della banca, nella misura direttamente proporzionale alla dimensione dei crediti deteriorati che resteranno in carico alla capogruppo. Fonspa è al centro del tentativo di salvataggio di Banca Marche, commissariata anche lei ma attorno alla quale si muove addirittura la Regione. L'operazione è stata rinviata a marzo, servirà un aumento di capitale da 300 milioni e l'intervento di fondi esteri. Un meccanismo complesso, non troppo diverso da quello che dovrà essere attivato per Carife, nemmeno avviato però a sei mesi dal termine del commissariamento.