E i ferraresi chiedono la Zona 30 in tutta la città

Gli amici della bicicletta ferraresi riuniti nella Fiab lo sostengono da tempo: tutta la città entro le mura deve diventare "Zona 30", adottando quindi il limite di velocità di trenta chilometri orari alle auto e permettendo alle biciclette di circolare in entrambi i sensi di marce anche sulle strade a senso unico. La proposta, rilanciata proprio poco tempo fa sulle pagine del nostro giornale, ha suscitato un acceso dibattito tra i "puristi" delle due ruote e chi invece ritiene la proposta troppo estrema e penalizzante per la circolazione in città. La Nuova Ferrara sul tema aveva lanciato anche un sondaggio che si era concluso con la vittoria dei supporters delle biciclette. In particolare, a votare per esprimere il loro parere erano stati 623 lettori, con questo risultato finale: 436 favorevoli alla limitazione dei 30 orari, pari al 70 per cento, 182 contrari (29%) ; e 5 "non so" pari all'1 per cento. Al tempo stesso, l'argomento aveva scatenato diversi commenti sullaa nostra pagina Facebook che, al contrario, bacchettavano i ciclisti soprattutto per la loro indisciplina, auspicando una maggiore attenzione alle norme stradali: prime fra tutte l'uso dei fanali e, appunto, il rispetto dei sensi di marcia.