All'Isit Bassi Burgatti fa troppo freddo nelle aule e corridoi

CENTO Da tre settimane, troppo freddo nelle aule e nei corridoi dell'Isit Bassi Burgatti. La dirigenza dell'istituto intanto fa sapere: "Nella sede principale è ancora aperto un cantiere, che è concausa dei problemi di riscaldamento. Tramite l'ufficio tecnico, sono sempre e prontamente stati informati i referenti provinciali perché intervenissero». Da quando le temperature si sono abbassate infatti, nello stabile principale da poco riaperto dopo gli interventi post sisma, vengono segnalati diversi problemi legati al riscaldamento. Non solo studenti e genitori, ma anche i collaboratori scolastici lamentano da alcune settimane temperature rigide, nelle aule come negli ampi corridoi del primo e secondo piano della sede di via Rigone. Un freddo tale da costringere studenti, insegnanti e collaboratori scolastici, a doversi vestire a più strati e da dover mantenere accese stufette elettriche per riscaldare gli ambienti. Come fanno sapere dalla dirigenza dell'Isit, «l'ufficio tecnico provinciale è sempre intervenuto tempestivamente al fine di risolvere quanto prima i problemi, ma ovviamente i vari passaggi comportano dei disagi temporanei». Negli ultimi giorni in alcune aule la temperatura è migliorata, in altre meno, tanto da dover spostare gli studenti negli spazi più caldi. Rimangono invece al freddo i corridoi. Ieri mattina poi, un'ulteriore novità, nell'ala est dell'edificio mancava completamente la luce. Tra le ipotesi circolate, anche che qualcuno nella notte sia entrato nel cantiere ancora aperto al piano terra e abbia manomesso gli impianti. Come tiene a ricordare anche la dirigenza dell'Isit «nella sede principale è ancora aperto un cantiere, che è concausa dei problemi di riscaldamento. Sia la dirigenza scolastica che gli organi provinciali preposti si dicono certi che l'imminente chiusura del cantiere porterà ad un netto miglioramento della situazione. E i disagi di questi giorni dovrebbero cessare».(be.ba.)