Senza Titolo


VOGHIERA
La mia replica
all'opposizione

Sento il dovere di rispondere alla lista di opposizione del Centrosinistra di Voghiera Il Sandolo, non tanto per dibattere sulle tesi contenute relative alla mia persona, ma per la mancanza di rispetto che questa lettera contiene nei confronti dei cittadini elettori di Voghiera.
I consiglieri di minoranza infatti ancora una volta sostengono che i cittadini di Voghiera sono stati abbindolati e ammaliati da me che li ho distolti e portati a votare sulla scia emotiva addirittura di Tangentopoli.
Questo non lo posso proprio accettare perché offende le intelligenze dei miei concittadini ed esigo rispetto per le loro scelte, peraltro confermate per ben quattro volte nelle urne in un contesto di assoluta democrazia.
Smettetela con la solita storia che chi vota per il centrosinistra valuta attentamente, mentre chi vota per Progetto Comune è sotto tutela.
I cittadini di Voghiera sono intelligenti e scelgono.
Non c'era bisogno di nessuna maschera, a Voghiera ha vinto Claudio Fioresi con un largo distacco perché ha saputo costruire un progetto amministrativo e politico più credibile e concreto e non perché era appoggiato da Neda Barbieri.
Solo chi come voi non vive la realtà quotidiana del nostro territorio può ancora scrivere queste cose per giustificare la propria sconfitta.
I voti in democrazia sono la vera espressione del confronto e del consenso, per questo non ho mai cercato scorciatoie, chiedendo sempre la legittimazione ai cittadini, che a volte hanno apprezzato ed altre invece hanno negato il loro consenso.
Come sapete non ho mai indossato la maschera e ho sempre messo in gioco la mia persona mettendoci la faccia a qualsiasi livello.
Solo chi mi attacca con questo livore può affermare che io non amo fare politica.
Ho sempre affermato che nelle amministrative erano il progetto e i candidati che si presentavano alle elezioni oggetto della scelta dei cittadini al di la dei partiti che peraltro non ho mai demonizzato (nella prima lista civica ho governato con i socialisti eletti sia in consiglio che ed in giunta).
Con la stessa logica, ora che non ho più incarichi istituzionali di gestione, credo che sia più che legittimo rivendicare il diritto di iscrivermi ad un partito, senza però rinnegare tutto il percorso politico e amministrativo che fino a qui ho condotto e che credo di aver onorato con impegno e serietà.
Proprio per continuare il mio impegno sui temi rilevanti per questo territorio ho aderito all'Udc, un partito che a Ferrara sicuramente non è in grado di offrire poltrone o seggi sicuri e la cui cornice identitaria e programmatica corrisponde ai miei valori.
Nessuna metamorfosi kafkiana, ma il proseguimento logico di un impegno che, ad essere generosi, mi offrirà un po' di visibilità e ad essere onesti mi richiederà tanto lavoro in futuro. Relativamente alla candidatura, ringrazio Gianluca Galletti, candidato presidente per la Regione che conosco da molti anni e che stimo per l'impegno e la serietà.
Assicuro il massimo impegno in questa nuova avventura elettorale come la chiamano i consiglieri della lista Il Sandolo di cui per altro accetto volentieri gli auguri (facendo i dovuti scongiuri).
Rinnovo il mio impegno per Voghiera, per il territorio provinciale e se gli elettori lo vorranno sono pronta a portare l'esperienza maturata nelle tante battaglie fatte (Hera, Hermitage, le poltrone nei consigli di amministrazione, l'imbocco della Cispadana ecc) anche nel contesto regionale.
Alla lista del Sandolo rinnovo l'invito alla calma e a guardare la realtà dei fatti.
Neda BarbieriConsigliere di Voghiera candidata dell'Udc alle elezioni regionali
SANT'ANNA
Grazie di cuore
a tutto il reparto

Colgo l'occasione per ringraziare tutto il personale medico e infermieristico del reparto di malattie infettive dell'Azienda ospedaliero-Universitaria del Sant'Anna.
In un recente ricovero ho avuto modo di verificare la professionalità e la competenza medica con cui è stato affrontato il mio caso e la gentile disponbilità di tutto il personale infermieristico durante tutta la mia degenza.
In particolare vorrei ringraziare il direttore professor Ghinelli, il dottor Cultrera ed il dottor Badia della sezione universitaria. A tutti loro la mia più grande stima e gratitudine.
Dottor Guido Margutti
FALSO INVALIDO
Non sono d'accordo
con il signor X
Desidero controbattere alle parole del signor X relativamente alla pensione di invalidità.
Precisando che mia madre, dopo aver avuto non pochi problemi di salute nell'aver contratto nel 2003 il morbo di Moskowitz e dopo essersi ammalata di carcinoma all'utero l'anno passato, dopo aver affrontato numerose visite per ottenere la pensione di invalidità (variando la percentuale dal 75% al 100%), è deceduta 3 mesi fa.
In questi anni tutti i vari piccoli miglioramenti di salute che sono intervenuti sono sempre stati comunicati all'ufficio Inps, con la conseguente riduzione della pensione di invalidità e la sospensione di quella di accompagnamento. Non di meno erano state liquidate a mia madre mensilità non dovute, che ovviamente sono state tutte restituite (ratealmente). Anche a mia madre questo denaro poteva servire per sopravvivere, considerando l'affitto da pagare di 400 euro e la pensione mensile di reversibilità del marito di nemmeno 800 euro.
Il signor X ha ragione nel rammaricarsi del fatto che la sua situazione sia stata descritta a sua insaputa, ma io mi rammarico del fatto che lo stesso non abbia avvisato l'ufficio competente relativamente ai suoi miglioramenti, anche se per questo se ne scusa. Se facessero tutti cosi!
Nessuno mette in dubbio la sua condizione fisica, ma il signor X sa che, anche se malato, se non si raggiunge il 100% di invalidità, non si percepisce nemmeno l'assegno di accompagnamento. Comunque, se fossi in lui, sarei contento di ricevere solo l'80% di invalidità, starebbe a significare il miglioramento di salute.

Marco Faccini