Immigrati trattenuti fino a 180 giorni

ROMA.Il provvedimento che sta alimentando le proteste nei Cie è quello, contenuto nella legge sulla sicurezza entrata in vigore lo scorso 8 agosto, che prevede l'allungamento dei tempi di trattenimento degli immigrati clandestini nei Cie da due a sei mesi. La legge modifica il testo unico sull'immigrazione nel punto in cui indica che la convalida dell'espulsione comporta la permanenza dell'immigrato nel Centro per 30 giorni, prorogabili per ulteriori 30.
I Centri di identificazione ed espulsione (Cie) presenti sul territorio italiano sono 13 con, complessivamente, 1.752 posti disponibili. Ad oggi le presenze sono 1.139. Dai dati del Viminale emerge che i Cie che in questi giorni sono al limite della capienza sono cinque: Bologna, Caltanissetta, Gorizia (la capienza originaria di 248 posti è stata prima ridotta di 44 posti e successivamente, a causa della rivolta dell'8 agosto, è stata ulteriormente diminuita fino a 194 posti), Modena e Trapani.