La Giacomense ha puntato su Leonardo Rossi

MASI SAN GIACOMO.Era quasi inevitabile. Sette gare senza vedere punti sono tante, tantissime. La Giacomense non poteva aspettare oltre per dare una scossa al gruppo, una carica dall'esterno. I dirigenti grigiorossi, riuniti fino a tarda sera, hanno discusso, parlato, si sono confrontati. L'ufficialità arriverà probabilmente oggi al primo allenamento settimanale. Ma dalle indiscrezioni pare che sia il tante volte citato Leonardo Rossi l'allenatore designato a sostituire sulla panchina grigiorossa Eugenio Benuzzi.
Sondato già in estate dalla società, prima della conferma dello stesso Benuzzi, il nuovo tecnico era rimasto libero dopo il fallimento del Teramo ed il conseguente ritorno a Ferrara. Proprio qui, Rossi è molto conosciuto. Non solo per il suo passato calcistico in biancazzurro (oltre ad una ricca carriera tra B e C1), bensi per aver guidato la Spal nel 2006-07. Poi, come detto, la parentesi positiva e negativa allo stesso tempo in Abruzzo (positiva per il raggiungimento della salvezza, negativa per il fallimento della società) e l'inizio forzato di un anno sabbatico. In corrispondenza dell'ultima vittoria grigiorossa con il San Marino, Rossi pareva destinato a guidare i titani, che avevano esonerato Varrella. Il San Marino, però, aveva chiamato Petrone, lasciando ancora libero il tecnico. Una settimana fa, era uscita l'indiscrezione secondo la quale Rossi avrebbe potuto guidare il Comacchio dopo le dimissioni di Tonino Ferroni. Ora l'incarico di salvare la Giacomense dalla retrocessione.
Leonardo Rossi si più già definire un esperto della categoria, avendovi militato per due stagioni. Nel gruppo del presidente Walter Mattioli vi sono alcuni giocatori che hanno avuto modo di conoscerlo come tecnico proprio alla Spal. Si tratta di Mirko Giorgi, che con Rossi è passato da difensore centrale ad esterno sinistro, e Marco Agostinelli, arrivato per sua volontà dalla Sansovino nel gennaio 2007. Potrebbero essere loro alcuni dei giocatori sui cui già da oggi pomeriggio Rossi punterà lo sguardo per trascinare la squadra prima ai tre punti col Poggibonsi e, successivamente nella pausa natalizia, per riprendere lo smalto perso in questo periodo. Infine, non è escluso l'arrivo dopo Natale di almeno due pedine per rafforzare la rosa. Come non è escluso che alcuni componenti dell'organico, da testuali parole del presidente, possano abbandonare la nave grigiorossa.
Enrico Menegatti